Superstock 600 Misano Gara: VD Mark batte Russo

Spettacolare finale, Christian Gamarino sul podio

9 giugno 2012 - 15:07

Un emozionante ed avvincente duello tra Michael van der Mark ed il nostro Riccardo Russo ha contraddistinto il quarto round dell’Europeo Superstock 600 andato in scena al “Misano World Circuit Marco Simoncelli”. Il pilota olandese del Ten Kate Junior Team, alla sua seconda stagione di presenza nella serie continentale riservata ai giovani talenti under-24, si aggiudica in volata la seconda vittoria stagionale nonchè 6° in carriera su 15 gare disputate al culmine di una splendida rimonta. Scattato dalla prima fila dello schieramento di partenza, Russo con uno scatto da centometrista si è subito trovato al comando delle operazioni alla prima staccata della “Variante del Parco”, riuscendo in poche curve a guadagnare un considerevole margine di 1″7 nei confronti del gruppetto degli inseguitori composto dallo stesso VD Mark.

Una volta liberatosi da questo agguerrito plotoncino in bagarre, l’ex pilota Lambretta del mondiale 125 GP ha iniziato la rimonta portandosi a ridosso della Yamaha #84 del Team Italia FMI all’undicesimo e penultimo giro della contesa. Agganciato il suo più diretto rivale per la corsa al titolo, van der Mark ha subito sferrato l’attacco alla curva del “Carro” riuscendo a resistere ad ogni potenziale risposta del pilota campano, transitando sotto la bandiera a scacchi con soli 95 millesimi di vantaggio, sufficienti per celebrare una vittoria davanti a quattro nostri portabandiera. Il primo della lista è, ovviamente, Riccardo Russo, secondo amministrando seppur per soli 2 punticini il comando della classifica di campionato (81 a 79), “beffato” soltanto nel finale dal pilota del Ten Kate Junior Team.

Con Russo 2°, Christian Gamarino chiude 3° con la Kawasaki del Team Go Eleven celebrando il primo podio in carriera nell’Europeo Superstock, seguito a distanza da Luca Vitali (4°, penalizzato da una partenza da dimenticare) e da Francesco Cocco, 5° ed in ripresa dall’infortunio rimediato ad Imola. Alle loro spalle da wild card in evidenza Federico Monti, 7° dopo esser scattato dalla 18esima posizione in griglia con l’unica Suzuki GSX-R 600 dello schieramento di partenza (preparata dal team Boselli Races, formazione protagonista del CIV e supportata da Suzuki Italia), nella top-10 anche Stefano Casalotti (9° su Yamaha del Team Riviera), a punti anche Filippo Benini (11°, Yamaha G.A.S. Racing Team) ed il poleman Franco Morbidelli, 15esimo incontrando qualche imprevisto nel proprio cammino verso una gara da protagonista. Fuori dalla top-15 invece Francesco Cavalli (22°) e Nicolas Stizza (24°), a terra per un contatto con il campione EJC in carica Matt Davies il secondo alfiere del Team PATA by Martini Luca Salvadori, nelle posizioni di testa nelle fasi iniziali della contesa.

Aspettando la prossima prova del calendario continentale in agenda al Motorland Aragon di Alcaniz il prossimo 30 giugno, Riccardo Russo comanda la classifica di campionato con 81 punti seguito a 2 lunghezze da van der Mark, terzo e staccato di 31 punti Nacho Calero Perez, 18esimo sul traguardo.

Cronaca di Gara

Partenza posticipata di 15 minuti per l’interruzione con bandiera rossa del secondo turno di qualifiche ufficiali della Superstock 1000 FIM Cup, tutti e 30 i piloti iscritti a questo quarto round dell’Europeo Superstock 600 2012 sono regolarmente schierati in griglia di partenza con una prima fila tutta italiana composta, nell’ordine, da Franco Morbidelli, Riccardo Russo, Christian Gamarino e Luca Vitali. Alle 18:17 in punto al “Misano World Circuit Marco Simoncelli” prende il via la corsa, subito un ottimo spunto di Riccardo Russo che alla “Variante” del Parco conquista l’hole-shot su Morbidelli e van der Mark, malissimo Luca Vitali che resta quasi “piantato” in griglia ritrovandosi ai margini della top-10. La corsa prosegue, il plotone dei giovani talenti under-24 resta compatto anche all’uscita della “Curva del Rio”, prime cadute alla “Quercia” con protagonisti due dei piloti svizzeri al via: Bastien Chesaux e Sebastien Suchet.

Fuori i due piloti elvetici, Riccardo Russo prevedibilmente prende il volo: chiude il primo giro con un buon vantaggio su Morbidelli, VD Mark, Schacht e Gamarino, più staccato un quintetto composto nell’ordine da Covena, Nestorovic, Vitali e Salvadori. Se il capoclassifica di gara e campionato abbozza un tentativo di fuga in solitaria, dietro van der Mark alla staccata della “Variante del Parco” decide di rompere subito gli indugi con un deciso sorpasso ai danni di Morbidelli, rimasto sorpreso da questa manovra tanto da uscire fuori dalla traiettoria ideale e cedere altre due posizioni a vantaggio di Gamarino e Schacht. Quest’ultimo, sorpresa di queste prime fasi di gara, le prova tutte per sfruttare questa grande occasione, ma finisce per ritrovarsi a terra al “Tramonto” con la propria Honda CBR 600RR.

Va in archivio anche il 2° dei 12 giri previsti, Russo comanda con 1″5 di margine su VD Mark anche se l’olandese, seppur per soli 2 millesimi (1’43″414 contro l’1’43″416 del pilota campano) è il più veloce in pista. Alla tornata seguente il pilota olandese si ripete, ferma i cronometri sull’1’42″863 e rosicchia qualche centesimo, ma non sufficiente per iniziare una vera e propria “rimonta”.

Staccato dal duo di testa, amministra senza troppi problemi la 3° posizione Christian Gamarino davanti al proprio compagno di squadra al Team Go Eleven Tony Covena, a breve distanza una pattuglia acrobatica di 4 piloti in corsa per la 5° piazza tra Cocco, Morbidelli, Vitali e Nestorovic con persino Federico Monti, scattato dalla 18esima posizione in griglia, in evidenza con la propria Suzuki GSX-R 600 dando vita ad un fantastico sorpasso su Salvadori in pieno Curvone.

Al 5° giro distacchi invariati per i primi 3 in classifica, dietro Covena è raggiunto dal terzetto di inseguitori ora composto da Cocco, Vitali e Nestorovic, non dal poleman Morbidelli raggiunto e superato alla “Quercia” da un determinatissimo Monti. Prevedibilmente Covena viene subito sopravanzato al “Carro” dai nostri Cocco e Vitali in piena bagarre, saluta la compagnia invece il campione della European Junior Cup in carica Matt Davies, giunto al contatto alla “Quercia” con Luca Salvadori protagonista delle fasi iniziali della contesa.

A 4 giri dal termine tutte le attenzioni sono riservate verso la rimonta di Michael van der Mark: 1″2 lo svantaggio da Russo, scende a 8 decimi al 10° passaggio, all’undicesimo e penultimo giro della corsa con un ottimo 1’42″2 si registra il riaggancio. Tra Russo e VD Mark è lotta vera per il primato con l’olandese che esce meglio dal “Tramonto”, si affianca al “Curvone”, ma il talentuoso pilota campano resiste anche se soltanto per pochi metri: al “Carro” VD Mark attacca-e-passa il rivale iniziando l’ultimo giro in testa. Ricky 84 prova subito a rispondere alla “Variante del Parco”, ma l’ex pilota del mondiale 125 GP resiste e guadagna persino qualche metro di vantaggio. Tutto si decide così all’ultima staccata della “Misano”: prodigiosa staccata di Russo, ma van der Mark tiene la traiettoria ideale e per soli 95 millesimi si aggiudica la seconda vittoria stagionale portandosi a -2 nella classifica di campionato. Primo podio in carriera per Christian Gamarino, 3°, a seguire nell’ordine un rimontante Luca Vitali e Francesco Cocco con giusto 4 italiani alle spalle del vincitore.

Superstock 600 European Championship 2012
Misano Adriatico, Classifica Gara

01- Michael van der Mark – EAB Ten Kate Junior Team – Honda CBR 600RR – 12 giri in 20’40.578
02- Riccardo Russo – Team Italia FMI – Yamaha YZF R6 – + 0.095
03- Christian Gamarino – Team Go Eleven – Kawasaki ZX-6R – + 7.597
04- Luca Vitali – Team Italia FMI – Yamaha YZF R6 – + 8.322
05- Francesco Cocco – Team PATA by Martini – Yamaha YZF R6 – + 14.451
06- Adrian Nestorovic – Team MTM Racing – Yamaha YZF R6 – + 15.538
07- Federico Monti – Boselli Races – Suzuki GSX-R 600 – + 18.302
08- Tony Covena – Team Go Eleven – Kawasaki ZX-6R – + 18.840
09- Stefano Casalotti – Team Riviera – Yamaha YZF R6 – + 20.786
10- Mathieu Marchal – Garnier Racing Team – Yamaha YZF R6 – + 21.003
11- Filippo Benini – G.A.S. Racing Team – Yamaha YZF R6 – + 21.192
12- Christophe Ponsson – MRS Racing – Kawasaki ZX-6R – + 21.324
13- Corey Snowsill – MTM Racing Team – Yamaha YZF R6 – + 22.143
14- Marvin Fritz – Racedays – Kawasaki ZX-6R – + 24.388
15- Franco Morbidelli – Bike Service Racing Team – Yamaha YZF R6 – + 24.433
16- Tedy Basic – Bike e Motor Racing Team – Yamaha YZF R6 – + 24.638
17- Robin Mulhauser – RivaMoto Junior Team – Yamaha YZF R6 – + 25.580
18- Nacho Calero Perez – Team Trasimeno – Yamaha YZF R6 – + 35.903
19- Koen Zeelen – Benjan Racing – Honda CBR 600RR – + 40.315
20- Richard De Tournay – FP Racing – Kawasaki ZX-6R – + 40.870
21- Sebastien Suchet – Team B.S.R. – Honda CBR 600RR – + 1’02.730
22- Francesco Cavalli – G.A.S. Racing Team – Yamaha YZF R6 – + 1’04.675
23- Matt Davies – Team Go Eleven – Kawasaki ZX-6R – + 1’19.516
24- Nicolas Stizza – Bike Center – Yamaha YZF R6 – a 1 giro
25- Mircea Vrajitoru – CSM Bucharest – Yamaha YZF R6 – a 3 giri

Alessio Piana (Twitter: @AlessioPiana130)

Servizio Fotografico: Diego De Col

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Superbike: L’arrivo di Ten Kate farà saltare il banco in Yamaha?

Eugene Laverty: “Bitubo è il nostro asso nella manica”

MotoGP: Danilo Petrucci lavora sull’ergonomia, ma la sella ‘scotta’