Ana Carrasco: “Voglio arrivare a competere in MotoGP”

La campionessa SuperSport 300 in carica Ana Carrasco ripassa il suo 2018, con un obiettivo: arrivare un giorno a competere in MotoGP.

21 febbraio 2019 - 11:20

Durante la consegna dei premi Laureus ai migliori sportivi dell’anno, Ana Carrasco ha rivissuto la stagione appena conclusa. Nominata nella categoria ‘sportivo rivelazione’, l’iridata SuperSport 300 in carica parla anche dei suoi obiettivi futuri. Dopo una splendida annata è il momento dei riconoscimenti per la prima donna campionessa del mondo nella storia delle due ruote. Per questo la candidatura come rivelazione sportiva dell’anno al Galà a Monaco, anche se poi il premio è andato alla tennista Naomi Osaka.

La pilota spagnola ha avuto l’occasione per rivivere una stagione trionfale. “La candidatura a questi premi è una ricompensa per il lavoro fatto nel 2018. Il motociclismo storicamente è uno sport maschile, ma qualcosa sta cambiando in questi ultimi anni. Il fatto che abbia vinto un titolo dimostra che anche una donna può competere allo stesso livello di un uomo . Ora sarà più facile per le ragazze accedere ed ottenere buoni risultati” ha dichiarato Carrasco, come riportato da Agencia EFE.

Per la pilota murciana si tratta di un successo che va oltre il titolo. L’aver dimostrato che è possibile vincere, per Carrasco, apre la strada a piloti che aspirano a ottenere risultati di rilievo nelle due ruote. “Se c’è un pilota di riferimento è più facile credere che sia possibile arrivare in alto. Quando ho iniziato io non c’erano donne e mi sono concentrata sui piloti maschi. Il fatto che ci sia io aiuterà le ragazze, favorendone la carriera nel motociclismo” ha sottolineato.

Sì, sono mancati punti di riferimento femminili, ma Carrasco ha ammesso di aver sempre cercato di imparare dai piloti più competitivi. Non uno solo, perché “il pilota perfetto non esiste”. Tra i suoi riferimenti, Carrasco segnala Valentino Rossi, Casey Stoner, Marc Márquez e Jorge Lorenzo. Un suo desiderio sarebbe arrivare a competere contro alcuni di loro. “Mi vedo in MotoGP un giorno. Sono giovane, ho una lunga carriera davanti ed il mio obiettivo sarebbe arrivarci” ha dichiarato.

Già nel presente Carrasco dovrà affrontare una nuova sfida: la campionessa SuperSport 300 deve difendere la corona iridata. La pilota però non avverte maggiore pressione. “Ogni anno è diverso. Abbiamo vinto, ma ora si riparte da zero. In questa stagione possono succedere tante cose, ma voglio concentrarmi solo sulla prima gara. Dobbiamo mantenere un buon livello, la vittoria in campionato dipenderà da questo e dal non aver commesso errori” ha concluso.

L’articolo originale su motosan.es

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Superbike: Ducati top secret, niente info sui test di Aragon

Alex Lowes a gamba tesa: “Yamaha, non ascoltare Melandri”

Superbike: Rallentare la Ducati? Ecco cosa dice il regolamento