Shinichi Nakatomi

ARRC ASB1000 Suzuka Gara 2: Shinichi Nakatomi vince da wild card

Shinichi Nakatomi da wild card fa saltare il banco a Suzuka: vince Gara 2 dell'ASB1000, Broc Parkes secondo sempre più leader del campionato.

30 giugno 2019 - 11:05

Shinichi Nakatomi: chi se lo ricorda? Campione All Japan 250 GP nei primi anni Duemila, nel Vecchio Continente ha militato per un triennio nel Mondiale Superbike con Yamaha Motor France prima di fare il suo ritorno in madrepatria. Presenza fissa alla 8 ore di Suzuka (concluse 2° nel 2003) e dell’All Japan Superbike, l’originario di Fukuoka ha fatto saltare il banco dell’ASB1000, la top class dell’Asia Road Racing Championship. La tappa di Suzuka prevista dal calendario ha incoronato in Gara 2 proprio Nakatomi, aggiudicandosi una sorprendente vittoria da wild card in una gara disputatasi su pista bagnata.

NAKATOMI MAGO DELLA PIOGGIA

Posticipato di un paio d’ore il via, con l’asfalto reso insidioso dalla pioggia Shinichi Nakatomi ha fatto la differenza. Al via con la medesima R1 del team Hitman RC Koshien con la quale disputa abitualmente l’All Japan Superbike, il 40enne motociclista nipponico è stato di gran lunga il più veloce in condizioni di scarsa aderenza. Secondo al termine del primo giro, da lì a poco si è ritrovato al comando trovando le opportune contromisure per rispondere al connazionale Yuki Ito, involandosi verso una strabiliante vittoria. Un bel modo per Nakatomi di prepararsi alla 8 ore di Suzuka del 28 luglio prossimo dove, sempre con il team Hitman RC Koshien, correrà in equipaggio con due piloti oggi suoi rivali: Ratthapark Wilairot e Apiwat Wongthananon, rispettivamente 4° e 8° in gara con i colori Yamaha Thailand.

PARKES VOLA IN CLASSIFICA

Di fatto Yamaha ha dominato Gara 2 a Suzuka monopolizzando i primi quattro posti. In un podio tutto dei Tre Diapason salgono i due alfieri Yamaha ASEAN, entrambi con tutte le ragioni per festeggiare. Broc Parkes, secondo grazie ad un sorpasso all’ultimo giro in uscita dalla Spoon, consolida la sua leadership di campionato. Soddisfatto anche l’altro All Japan Yuki Ito, stoico terzo seppur non al meglio della forma fisica dopo una pesante caduta nelle prove. Niente da fare invece per Zaqhwan Zaidi, quinto a precedere Azlan Shah Kamaruzaman, entrambi dalle quotazioni in ribasso in campionato.

PROSSIMA TAPPA IN CINA

L’Asia Road Racing Championship con la top class ASB1000 ritornerà in azione il 9-11 agosto prossimi a Zhuhai, tracciato cinese di ritorno nel calendario a distanza di 7 anni dall’esperienza vissuta nel 2012.

Asia Road Racing Championship 2019
ASB1000 – Superbike
Suzuka Circuit, Classifica Gara 2

1- Shinichi Nakatomi – Hitman RC Koshien Yamaha – Yamaha YZF R1 – 11 giri

2- Broc Parkes – Yamaha Racing Team ASEAN – Yamaha YZF R1 – + 2.134

3- Yuki Ito – Yamaha Racing Team ASEAN – Yamaha YZF R1 – + 2.584

4- Ratthapong Wilairot – Yamaha Thailand Racing Team – Yamaha YZF R1 – + 8.283

5- Zaqhwan Zaidi – Honda Asia Dream Racing with Showa – Honda CBR 1000RR SP2 – + 16.041

6- Azlan Shah Kamaruzaman – ONEXOX TKKR SAG Team – BMW S1000RR – + 22.021

7- Ahmad Yudhistira – Victor Racing Team – Yamaha YZF R1 – + 24.801

8- Apiwat Wongthananon – Yamaha Thailand Racing Team – Yamaha YZF R1 – + 38.752

9- Kazuma Tsuda – Victor Racing Team – Yamaha YZF R1 – + 39.742

10- Chaiwichit Nisakul – Kawasaki Thailand Racing Team – Kawasaki ZX-10RR – + 41.370

11- Bryan Staring – Kawasaki Thailand Racing Team – Kawasaki ZX-10RR – + 42.277

12- Bastien Mackels – Webike TRICKSTAR Victor Racing – Kawasaki ZX-10RR – + 1’08.374

13- TJ Alberto – Access Plus Racing Ducati Philippines Essenza Team – Ducati Panigale V4 R – + 1’10.042

14- Koji Teramoto – Teramoto @ J-TRIP Racing – BMW S1000RR – + 1’27.854

15- Jonathan Serrapica – Access Plus Racing Ducati Philippines Essenza Team – Ducati Panigale V4 R – a 1 giro

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

ARRC

ARRC 2020: svelato il calendario con 7 round

jeremy alcoba campione cev moto3

CEV Valencia: Alcoba Campione Junior, Montella a podio in Moto2

EICMA: Presentato il progetto 2020 della Nannelli Riders Academy