IDM Superbike Red Bull Ring Gara 2: doppietta Ranseder, Bauer con KTM quasi campione

Muggeridge non va oltra la 6° piazza

21 agosto 2011 - 12:33

Secondo copione Michael Ranseder dopo la vittoria di Gara 1 è riuscito a mettere a segno una doppietta senza discussioni nella seconda manche dell’IDM Superbike al Red Bull Ring di Zeltweg, penultimo appuntamento stagionale che ha sostanzialmente decretato vincitori e vinti del 2011. Ranseder, alla quarta personale vittoria tra le 1000cc e alla prima doppietta in carriera, ha prevedibilmente preso il largo dopo 1/3 di gara in sella alla BMW S1000RR del Team Fritze Tuning Lietz Sport, tagliando il traguardo da assoluto dominatore del rinnovato impianto di Spielberg al ritorno nel calendario IDM dopo ben 8 anni di assenza.

Con Ranseder alla quarta vittoria stagionale consentendo alla BMW di rafforzare il primato nella graduatoria costruttori, nella classifica Martin Bauer è “quasi” campione. L’esperto 38enne pilota austriaco sul tracciato di casa ha guadagnato due secondi posti e punti preziosi nei confronti dei più diretti inseguitori, ritrovandosi ora a +41 su Karl Muggeridge (soltanto 6° sul traguardo), +42 su Damian Cudlin (3° in Gara 2 con la BMW di alpha Technik/Van Zon) con 50 punti ancora a disposizione nella finalissima di metà settembre a Hockenheim dove, senza troppe preoccupazione, potrà accontentarsi di un modestissimo piazzamento in zona punti per celebrare la conquista del terzo titolo IDM Superbike, il primo alloro piloti per la KTM dopo il successo tra i costruttori dello scorso anno.

Potenzialmente grazie a questa doppietta resta in corsa anche Michael Ranseder, portatosi al quarto posto a -48 da Bauer con il piazzamento di “runner-up” della stagione nel mirino, non Matej Smrz, tagliato fuori da questo discorsi per la caduta di Gara 1 ed un misero 11° posto nella seconda manche. Si è invece riscattato Andreas Meklau, che sul suolo amico ha colto una preziosa quarta piazza con la GSX-R 1000 del proprio Team Suzuki Grandys duo, la stessa moto con la quale ha vinto quest’anno i titoli Superbike in Polonia e nell’Alpe Adria. Non male per il veterano austriaco, pronto al ritiro dalle competizioni al termine di una stagione che si concluderà il prossimo 18 settembre con la “Finale” di Hockenheim con Martin Bauer vicinissimo al terzo titolo in carriera.

Cronaca di Gara

Ranseder, Bauer, Jones l’ordine d’arrivo di Gara 1, Ranseder, Bauer, Cudlin con Muggeridge 11° lo schieramento di partenza per la seconda manche dell’IDM Superbike al Red Bull Ring di Zeltweg da disputarsi sempre sulla distanza di 18 giri a partire dalle 15:15 locali. Allo spegnimento del semaforo questa volta è Martin Bauer ad avere un buon spunto, affianca il poleman Michael Ranseder e riesce nel sorpasso già nella staccata del tornante in salita “Remus” concludendo il primo giro in testa e con 1″ di margine sul più giovane connazionale a sua volta seguito da Cudlin, Meklau (partito meglio questa volta), Altendorfer, Jones e Muggeridge in 7° posizione. Il Campione in carica, consapevole di non poter più perdere terreno da Martin Bauer, è davvero scatenato in questi primissimi giri tanto da riuscire alla seconda tornata di Spielberg in un doppio-sorpasso tra le pieghe della “Castrol Edge” e “Remus” ai danni di Altendorfer e Jones, guadagnando una buona quinta posizione all’inseguimento di Meklau e Cudlin davanti a sè.

Il problema per “Muggas” è rappresentato dallo scatenato duo di testa, con Bauer e Ranseder, separati da una manciata di decimi, già sotto l’1’30”. La dimostrazione arriva al 4° giro con un vantaggio che sale addirittura a 4″, con Ranseder che pone le basi per il sorpasso che arriva puntuale alla staccata della “Remus” ritrovandosi già al comando con la chiara occasione di concretizzare una doppietta sul suolo amico. Bauer cerca di forzare nel tentativo di resistere al formidabile rivale con il risultato di perdere soltanto qualche centesimo giro dopo giro restando “a vista” della BMW #18. Fuori gioco invece Filip Altendorfer, a terra nel corso del sesto passaggio quando era in piena lotta con il compagno di squadra Jonas per la sesta posizione.

Superato 1/3 di gara, Ranseder ha portato a 1″3 il proprio vantaggio nei confronti di Bauer, paga invece 8″ Cudlin seguito da Meklau, più staccato anche Karl Muggeridge che punta ad una seconda parte della contesa d’assalto distanziando Jones, Veneman, Nebel e Teuchert con Matej Smrz soltanto 11° dopo la caduta di Gara 1. Inizia così una fase interlocutoria della corsa in vista del rush finale con pochi sorpassi (soltanto Veneman nel secondo gruppo “vivacizza” la bagarre guadagnando la 7° posizione) ed un Ranseder in solitaria verso la prima doppietta in carriera nell’IDM Superbike come si evince dal distacco di 2″ a scapito di Martin Bauer al raffronto cronometrico.

Nonostante un ritmo comprensibilmente più alto di questa mattina (ben oltre 30° di temperatura atmosferica, per non parlare dell’asfalto!) Ranseder riesce nel proprio intento di allungare definitivamente su Bauer, ben altra vita per Muggeridge: dura, durissima, perchè la sua Honda CBR 1000RR C-ABS stressa eccessivamente gli pneumatici sulla distanza e si vede raggiunto nelle battute finali da Jones, Veneman e Nebel nella bagarre per la quinta posizione. Il primo sorpassi subito è a favore di Jones a -3 dalla bandiera a scacchi, il secondo con Veneman protagonista all’ultimo giro, ma “Muggas” salva il salvabile e riesce a riportarsi in sesta posizione seppur a 24″ da Michael Ranseder, vincitore e protagonista di una doppietta senza discussioni in casa a precedere il connazionale Martin Bauer (vicinissimo alla conquista del terzo titolo in carriera) e Damian Cudlin, terzo seguito da Andreas Meklau con tre piloti austriaci nella top-4 per la gioia del pubblico di casa.

Internationale Deutsche Motorradmeisterschaft 2011
Red Bull Ring, Classifica Gara 2

01- Michael Ranseder – Team Fritze Tuning Lietz Sport – BMW S1000RR – 18 giri
02- Martin Bauer – Motorex KTM Superbike Team – KTM RC8R – + 7.795
03- Damian Cudlin – alpha Technik Van Zon Kraftwerk – BMW S1000RR – + 13.729
04- Andreas Meklau – Team Suzuki Grandys duo – Suzuki GSX-R 1000 – + 19.467
05- Gareth Jones – Wilbers BMW Racing – BMW S1000RR – + 24.570
06- Karl Muggeridge – Holzhauer Racing Promotion – Honda CBR 1000RR – + 24.680
07- Barry Veneman – BMW RAC Racing – BMW S1000RR – + 24.826
08- Stefan Nebel – INGHART KTM Superbike Team Germany – KTM RC8R – + 25.259
09- Ghisbert Van Ginhoven – BMW RAC Racing – BMW S1000RR – + 26.439
10- Jorg Teuchert – Yamaha Motor Deutschland – Yamaha YZF R1 – + 33.616
11- Matej Smrz – INGHART KTM Superbike Team Germany – KTM RC8R – + 39.001
12- Roman Stamm – Stamm Racing – Suzuki GSX-R 1000 – + 40.684
13- Marc Wildisen – alpha Technik Van Zon Kraftwerk – BMW S1000RR – + 42.344
14- Sascha Hommel – Yamaha Motor Deutschland – Yamaha YZF R1 – + 42.625
15- Irek Sikora – Wilbers BMW Racing – BMW S1000RR – + 55.983
16- Kevin Wahr – Holzhauer Racing Promotion – Honda CBR 1000RR – + 56.663
17- Steven Michels – Team Suzuki Alber Bischoff – Suzuki GSX-R 1000 – + 1’07.273
18- Peter Preussler – BMW Motorrad Senger – BMW S1000RR – + 1’10.312
19- Janez Prosenik – Japi Racing – BMW S1000RR – + 1’14.688
20- Stefan Schrammel – Polizei Sport Verein Motorsport – BMW S1000RR – + 1’14.904
21- Andrey Martsevich – Vector Racing Team – Honda CBR 1000RR – a 1 giro

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Jorge Lorenzo: “Honda moto perfetta per Marquez”

Pikes Peak: Debutto rimandato per Luca Trivella

Moto3: Stefano Nepa con Reale Avintia a partire da Assen