ASBK: Troy Bayliss e gli altri, i protagonisti della stagione 2019

Honda, Yamaha, Suzuki, Ducati, Kawasaki e BMW attrezzate per l'ASBK 2019: Troy Herfoss punta a difendere il titolo, Troy Bayliss ambizioso con la nuova Ducati Panigale V4.

16 gennaio 2019 - 12:01

Nel fine settimana del 21-24 febbraio prossimi, nuovamente in concomitanza con il Mondiale di categoria, al Phillip Island Grand Prix Circuit scatterà la stagione 2019 dell’Australian Superbike con atteso un “pienone” nell’entry list (50 piloti iscritti lo scorso anno) e, nel contempo, molteplici tematiche d’interesse per un campionato effettivamente tornato in auge nell’ultimo triennio grazie all’impegno di MA (Motorcycling Australia). Senza più il dualismo con l’Australasian Superbike/Formula Xtreme, l’ASBK è a tutti gli effetti l’unica serie di riferimento del motociclismo dell’altra parte del globo, proponendo una griglia di partenza con rappresentate Honda, Yamaha, Suzuki, Ducati, Kawasaki e BMW, tutte (o quasi) attrezzate per puntare al massimo risultato.

Per quanto espresso dal 2018, chiaramente sarà Troy Herfoss il pilota da battere, riconfermatissimo al Team Honda Racing (oggi Penrite Honda) con la nuova CBR 1000RR Fireblade SP2 e con il giovane Mark Chiodo in qualità di suo nuovo compagno di squadra, promosso dalla Supersport. Contestualmente all’impegno della casa dell’ala dorata, Suzuki ha rafforzato il proprio organico schierando addirittura tre piloti, due dei quali già Campioni ASBK e sotto contratto fino alla stagione 2020 compresa: Josh Waters e Wayne Maxwell (di ritorno in Suzuki dopo 4 stagioni in Yamaha) più il figlio d’arte Alex Phillis, miglior privato della stagione 2018.

Se il Team Suzuki ECSTAR Australia si è garantito Maxwell, Yamaha affiderà le due R1 a Cru Halliday (di ritorno dopo una parentesi in Supersport) e Daniel Falzon, mentre Kawasaki Motors Australia supporterà nuovamente il team BCperformance con l’ex pilota MotoGP e World Superbike Bryan Staring e Lachlan Epis (recentemente impegnato nel Mondiale Supersport), mentre Matt Walters sarà nuovamente al via con una Ninja ZX-10RR vestita con i colori Swann Insurance/Kawasaki Connection. In casa BMW, il Next Gen Motorsports potrebbe proseguire l’impegno sempre con l’ex Campione Glenn Allerton, ma sta valutando (sponsor permettendo) la chance di correre nel neonato ASB1000, la Superbike introdotta quest’anno nell’Asia Road Racing Championship.

Tanti nomi per una folta schiera di attesi protagonisti dove, tra tutti, spicca Troy Bayliss. Tornato clamorosamente alle corse a tempo pieno lo scorso anno conquistando vittorie tra Hidden Valley e Phillip Island (in quest’ultima circostanza nel round extra-campionato in concomitanza con la MotoGP), il tri-Campione del Mondo prossimo a compiere 50 anni si presenterà ai nastri di partenza sempre con il proprio team DesmoSport Ducati, questa volta con la nuova Panigale V4. Curiosità: Bayliss correrà con il numero 32 e non più con il suo storico 21, complice la prelazione in materia di Josh Waters…

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Moto2, Catalunya: Alex Márquez, tris di vittorie consecutive

Moto3, Catalunya: Primo trionfo per Marcos Ramírez, 3° Vietti

MotoGP: Chiarite le regole per la Long Lap Penalty