BSB Croft Qualifiche: Tommy Hill in pole, disastro HM Plant

Joshua Brookes fuori al Q2, Ryuichi Kiyonari cade nel Q3

11 settembre 2010 - 12:44

A cosa serve lo Showdown per vivacizzare il finale di stagione del British Superbike, se già ci pensano i piloti? Nelle qualifiche ad eliminazione secondo il format “Roll for Pole” di Croft, prima di tre tappe dello Showdown, Tommy Hill ha conquistato la pole position per soli 93 millesimi rispetto a Michael Laverty, la quinta stagionale (seconda consecutiva) per il pilota Crescent Suzuki, senza alcun dubbio la più importante del campionato complici le disavventure dei diretti contendenti al titolo, a cominciare dalla coppia di casa HM Plant Honda.

Nel “Q2” clamorose le eliminazioni di Alastair Seeley (6° in campionato, ultimo tra gli eletti per lo Showdown) e, soprattutto, Joshua Brookes, in difficoltà per tutto il weekend e soltanto 12° in griglia. Amareggiato Neil Tuxworth dal muretto box HM Plant Honda, poteva consolarsi con Ryuichi Kiyonari in forma ed il più veloce questa mattina nelle prove libere. Il risultato? Primo giro, King Kiyo a terra alla “Hawthorn”: nessun riferimento cronometrico, terza fila con il decimo tempo.

Incredibile autogol della squadra più decorata del BSB e dei suoi piloti, consegnando così a Tommy Hill la possibilità di scattare dalla pole resistendo per soli 93 millesimi su di un velocissimo Michael Laverty (Relentless Suzuki, 5° in classifica) e per poco più di un decimo rispetto alla Ducati di Michael Rutter. Hill domani avrà la concreta chance di guadagnare terreno in campionato con i suoi più diretti avversari in terza fila, punti importanti tenendo conto che restano solo 7 gare nello Showdown e della situazione in classifica che vede lo stesso Hill insieme a Kiyonari a quota 525, ad un solo punticino Brookes.

Con diversi protagonisti fuori dal “Q3”, con la quarta posizione troviamo James Ellison davanti ad una prima fila inedita. Dan Linfoot, “spronato” dal suo nuovo compagno di squadra Loris Baz, realizza la miglior qualifica stagionale con il quinto tempo davanti alla Kawasaki di Simon Andrews, la Swan Honda di Stuart Easton (vincitore lo scorso anno a Croft in Gara 1) e lo stesso Baz, ottavo nonostante una scivolata alla Chicane. Buon “test d’ingresso” per il 17enne pilota francese ex-campione Europeo Superstock 600, fornendo utili elementi di valutazione a Rob McElnea per offrirgli un contratto in vista della prossima stagione, considerate le difficoltà di trovare una competitiva sella nei mondiali Superbike e Superstock.

Se sorprende il 9° tempo di Peter Hickman con la privatissima Yamaha dell’Ultimate Racing, sono usciti di scena al Q2 anche Tommy Bridewell, John Laverty e Yukio Kagayama dolorante dopo la caduta di questa mattina. Nella “Evo” con il capoclassifica Steve Brogan out al “Q3”, Gary Johnson caduto, è Hudson Kennaugh a ottenere la pole con l’Aprilia RSV4 Splitlath Motorsport riammessa nella categoria dopo due settimane di “trattative” tra squadra, MSVR, FIM e Aprilia Racing. Con “Brogie” non al meglio della condizione dopo la caduta di ieri, per il sud africano ex-protagonista del British Supersport si apre una concreta opportunità di riaprire il campionato domani nelle due gare in programma.

MCE British Superbike Championship 2010
Croft, Classifica Qualifiche (Q3)

01- Tommy Hill – Worx Crescent Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – 1’20.325
02- Michael Laverty – Relentless Suzuki by TAS – Suzuki GSX-R 1000 – + 0.093
03- Michael Rutter – RidersMotorcycles.Com – Ducati 1098R – + 0.174
04- James Ellison – Swan Honda – Honda CBR 1000RR – + 0.620
05- Dan Linfoot – Motorpoint Yamaha – Yamaha YZF R1 – + 0.791
06- Simon Andrews – MSS Colchester Kawasaki – Kawasaki ZX 10R – + 0.836
07- Stuart Easton – Swan Honda – Honda CBR 1000RR – + 0.886
08- Loris Baz – Motorpoint Yamaha – Yamaha YZF R1 – + 1.145
09- Peter Hickman – Ultimate Racing – Yamaha YZF R1 – + 1.286
10- Ryuichi Kiyonari – HM Plant Honda – Honda CBR 1000RR – senza tempo

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Walderstown fatale a Darren Keys

Tom Sykes, un altro podio: “BMW, la crescita è impressionante”

CEV Moto2, Aragón: Edgar Pons si impone in Gara 2