BSB Cadwell Park Gara 1: vince Michael Laverty, giallo Brookes

Sorpasso oltre le righe su Michael Rutter, bandiera rossa

28 agosto 2011 - 12:54

La gara domenicale del British Superbike a Cadwell Park, disputata come recupero della seconda manche di Oulton Park (non disputata a causa del maltempo), secondo tradizione tutta inglese si è conclusa anzitempo proprio a causa della pioggia. A risultare vincitore è stato il nord-irlandese Michael Laverty (Swan Yamaha) il quale, nel momento in cui la Direzione Gara ha decretato lo stop (dopo la segnalazione dei due) si trovava in testa con a distanza ravvicinata il compagno di squadra Tommy Hill. I due hanno preso il largo sin dalla partenza, girando nella prima parte della corsa addirittura un secondo più veloci degli avversari, accumulando così un gap che è arrivato fino a ben otto secondi.

La gara è stata sospesa ad inizio del dodicesimo delle 16 tornate in programma, ma soltanto per Laverty e Hill, con tutti gli altri piloti classificato al giro precedente non avendo attraversato il traguardo. Completa quindi la gara sul podio (provvisoriamente) Joshua Brookes (Relentless Suzuki by TAS), capace di precedere il leader della classifica Shane Byrne (HM Plant Honda). Il pilota australiano, grandissimo interprete del Mountain, è stato però protagonista di una manovra al limite (e forse anche oltre) nel corso del sesto giro quando, nel tentativo di sorpassare Michael Rutter per la terza posizione, nel cambio di direzione delle “Hall Bends” ha spinto l’esperto pilota britannico a terra con sospetta frattura della clavicola.

Senza dubbio un brutto colpo per Rutter, in piena lotta per l’accesso allo “Showdown”, fuori gioco dopo una prestazione semplicemente fantastica. Con la mente al fattaccio di Mallory Park 2009, questo incidente potrebbe riportare in auge la “Questione Brookes”, in quanto la manovra è sotto indagine da parte della Direzione Gara. Resta coinvolto in questo episodio (fortunatamente evitando Rutter mentre quest’ultimo attraversava la pista durante la caduta), ma ne trae enorme vantaggio in termini di classifica “Showdown” anche il campione in carica Ryuichi Kiyonari (HM Plant Honda), il quale a causa di questo incidente ha perso terreno e la quinta piazza da Jon Kirkham (Samsung Crescent Suzuki). Il tre volte campione della competizione è stato però autore di un’ottima gara e di una stupefacente partenza dalla quinta fila, ed a tratti si sono rivisti lampi del vecchio “King Kiyo”, ovvero di un campione decisamente in ombra in questa stagione.

Grazie a questo successo, il secondo della stagione ed il quarto in carriera, anche Michael Laverty riesce quindi ad avere l’accesso matematico allo “Showdown” (188 punti contro i 130 di Rutter, 7° in classifica). Ancora da decidere invece gli ultimi due posti: Brookes, in quinta posizione, può considerarsi quasi al sicuro, mentre per Kiyonari le due gare di domani saranno decisive per mantenere la sesta ed ultima posizione e conquistare l’ingresso come ultimo qualificato. Per quanto concerne la classe “Evo”, ennesima vittoria per Glen Richards vicinissimo alla conquista del titolo con secondo il compagno di squadra al Team WFR Graeme Gowland e Scott Smart (Ducati Moto Rapido) a completare il podio. Il nostro Matteo Mossa ha concluso invece in ultima posizione, 10° di categoria prendendo punti per la classifica di campionato.

MCE Insurance British Superbike Championship 2011
Cadwell Park, Classifica Gara 1

01- Michael Laverty – Swan Yamaha – Yamaha YZF R1 – 11 giri in 16’13.225
02- Tommy Hill – Swan Yamaha – Yamaha YZF R1 – + 0.214
03- Joshua Brookes – Relentless Suzuki by TAS – Suzuki GSX-R 1000 – a 1 giro
04- Shane Byrne – HM Plant Honda – Honda CBR 1000RR – a 1 giro
05- Jon Kirkham – Samsung Crescent Racing – Suzuki GSX-R 1000 – a 1 giro
06- Ryuichi Kiyonari – HM Plant Honda – Honda CBR 1000RR – a 1 giro
07- Gary Mason – MSS Colchester Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – a 1 giro
08- Martin Jessopp – Rapid Solicitors Bathams Racing – Ducati 1098R – a 1 giro
09- Peter Hickman – Tyco Racing – Honda CBR 1000RR – a 1 giro
10- Glen Richards – Team WFR – Honda CBR 1000RR – a 1 giro (Evo)
11- Chris Walker – Pr1mo Racing – Kawasaki ZX-10R – a 1 giro
12- Graeme Gowland – Team WFR – Honda CBR 1000RR – a 1 giro (Evo)
13- Alex Lowes – MSS Colchester Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – a 1 giro
14- James Ellison – Team Sorrymate.com – Honda CBR 1000RR – a 1 giro
15- Scott Smart – Moto Rapido – Ducati 1198R – a 1 giro (Evo)
16- Karl Harris – Splitlath Motorsport – Aprilia RSV4 – a 1 giro (Evo)
17- Barry Burrell – Buildbase BMW Motorrad – BMW S1000RR – a 1 giro (Evo)
18- James Hillier – Bournemouth Kawasaki Racing – Kawasaki ZX-10R – a 1 giro (Evo)
19- Patric Muff – Tyco Racing – Honda CBR 1000RR – a 1 giro (Evo)
20- Hudson Kennaugh – Buy-Force.com PR Racing – Kawasaki ZX-10R – a 1 giro (Evo)
21- Aaron Zanotti – Quattro Plant Spike Racing – BMW S1000RR – a 1 giro (Evo)
22- Matteo Mossa – 777RR Motorsport – Suzuki GSX-R 1000 – a 2 giri (Evo)

Valerio Piccini

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MV Agusta

MV Agusta rigenerata dalla cura BSB: Gino Rea ben figura a Cadwell Park

Europeo Mini Road Racing 2019, Assen

Assen: Europeo Mini Road Racing 2019 Pokerissimo Italia

Danny Buchan

Danny Buchan protagonista del BSB: non è solo alto