Jonathan Rea

Jonathan Rea: in fila per la prima italiana dell’autobiografia

Nel primo giorno di vendita si è formata una lunga fila di appassionati per acquistare la versione italiana della biografia di Jonathan Rea: che successo!

4 maggio 2019 - 22:19

Grande successo di pubblico a Modena per il secondo appuntamento dedicato agli appassionati del marchio Kawasaki. Quest’anno, in concomitanza con l’uscita italiana di “In Testa – La mia autobiografia” (CdM Edizioni, 272pg, copertina rigida, rilegatura filo, inserto fotografico di 16 pagine,  copertina di  Matteo Cavadini, 20€),  l’ospite più atteso della giornata era il campione del mondo Superbike Jonathan Rea. Qui per acquistare on line

TUTTI IN FILA PER UNA COPIA DI “IN TESTA”

Il fuoriclasse nordirlandese non si è risparmiato, per l’entusiasmo dei numerosi presenti all’autodromo di Modena. Rea, mostrando la consueta disponibilità, ha presenziato ad una prima, non programmata, sessione di autografi prima di sedersi assieme ai “colleghi” di Casa Kawasaki nello stand Elf per incontrare i tifosi. Una lunga e ordinata colonna ha reso omaggio al quattro volte campione del mondo delle verdone che ha espresso il proprio apprezzamento sia l’affetto del pubblico che l’accoglienza davvero incredibile alla sua autobiografia italiana “In Testa”.

COPIE AUTOGRAFATE DAL CAMPIONISSIMO 

«Ero davvero curioso di vedere in anteprima questa versione italiana della mia autobiografia» sono le parole di Rea «devo ringraziare CdM Edizioni e tutto lo staff per aver reso questo libro così valido per i lettori della splendida Italia. Sono pronto per Imola.» Il campione del mondo ha manifestato apprezzamento per le copie vendute e ha accettato di sottoporsi volentieri a un vero e proprio “fuoco amico” di selfie e di copie autografate di “In Testa”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati

Superbike: Scott Redding-Ducati, adesso c’è anche la firma

Jonathan Rea, Portimao Test

Superbike: Jonathan Rea prova l’evoluzione Kawasaki 2020

Lake Torrent, circuit

Lake Torrent: il progetto evapora Jonathan Rea non correrà in casa