valentino rossi silverstone

VAR MotoGP, Márquez vs Rossi: nasce l’era della moviola?

Marc Márquez e Valentino Rossi hanno pareri contrastanti sul VAR in MotoGP. Fra i tanti dubbi di piloti e fan si rischia di inaugurare l'era della moviola.

24 agosto 2019 - 9:15

Il grande protagonista del venerdì di Silverstone è il VAR, l’occhio elettronico che ha restituito i tempi a Fabio Quartararo, Valentino Rossi e Takaaki Nakagami. Ma ne ha cancellati diversi anche ad Andrea Dovizioso, Marc Márquez e altri piloti della MotoGP. Tra chi loda e chi semina qualche dubbio sulla ‘nuova’ tecnologia, in attesa di video e slow-motion più nitidi e inconfutabili, adesso sembra inaugurarsi l’era della moviola in versione motociclistica.

ROSSI E MARQUEZ PARERI CONTRASTANTI

È come l’occhio di falco nel tennis, mi sembra un buon modo per avere maggiore sicurezza e allo stesso tempo una regola chiara“, ha commentato Valentino Rossi. Ne approfitta anche Fabio Quartararo, cui viene restituito il best lap e assegnato il record del tracciato. Ma il doppio intervento del VAR in curva 6 ha spinto ad andare oltre e a spostare i limiti della linea bianca per evitare altri casi dubbi. “Lì, in teoria, ci dovrebbe essere l’erba. Hanno aggiunto il cemento perché si esce molto forte da quella curva e passi veramente ad un pelo dall’erba“, ha aggiunto il campione di Tavullia.

Chi invece è stato in parte penalizzato dall’occhio di falco è Marc Márquez, che nutre qualche dubbio sull’interpretazione della Direzione di Gara. “Non ho capito. Sembra che nel calcio [il VAR] sia più preciso [ride, ndr]. Mi hanno annullato cinque giri, vorrei che mi spiegassero come ho calpestato la zona verde e che differenza c’è tra me e gli altri. Ma va bene, alla fine sono cose aneddotiche, siamo solo nelle prove libere“. Forse l’analisi della moviola sarà nuova materia per gli esperti del settore?

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP GP Aragon 2019 Marquez

MotoGP GP Aragon 2019: Márquez in pole, Pol Espargaró KO

Valentino Rossi ad Aragon

Valentino Rossi boccia Tsuji: “Il cambio migliorerà lo sviluppo della moto”

Marc Marquez ad Aragon

MotoGP, Marc Marquez: “La caduta? Un rischio che dovevo prendere”