Superbike: Quanto mi girano?

Superbike nel dubbio: Dorna non ha ancora comunicato il limite massimo di rotazione obbligatorio nei tre round iniziali.

13 febbraio 2019 - 8:16

Superbike, quanto mi girano? Mancano pochi giorni al via del Mondiale a Phillip Island, e nessuno ha ancora comunicato quali saranno i valori su cui impostare il limitatore di giri motore nei tre round d’apertura. Dalla passata stagione per livellare le prestazioni il promoter Dorna ha istituito un sistema che fissa il regime massimo modello per modello, in modo da garantire equilibrio di prestazioni. Ogni tre round gli organizzatori hanno la possibilità di intervenire, con ritocchi di più o meno 250 giri, per penalizzare le Marche troppo vincenti e aiutare chi non vince. Nel campionato 2018 c’è stata una modifica in corso d’opera, con Honda e MV Agusta autorizzate a girare più in alto a partire dal round di Brno (sesto di tredici).

La tabella: chi l’ha vista?

Conoscere i dati sarebbe oltremodo interessante perchè rispetto allo scorso anno ci saranno tre moto nuove in griglia. Ducati V4R, BMW S1000RR e anche la Kawasaki ZX-10R, che pur avendo mantenuto la stessa sigla ha un motore profondamente rivisto: c’è un nuovo sistema di distribuzione che permette al quattro ciindri nipponico di girare più in alto, quindi di erogare più potenza. Jonathan Rea, vincitore di quattro Mondiali e vincitore degli ultimi undici match 2018 (serie ancora aperta…) è stato il più veloce nei test invernali fin qui effettuati: Aragon, due volte Jerez e Portimao.

Cambierà poco o niente?

In mancanza di comunicazioni, le squadre hanno lavorato nei test con valori di riferimento impostati secondo la regola che permette alla versione Superbike di aumentare del 3% il regime del modello stradale. Nel 2018 la Kawasaki era limitata a 14.100 giri, è da vedere se il prossimo week end in Australia sarà autorizzata a salire di quota. Ancora più interessante sarebbe conoscere il limite massimo permesso alla Ducati V4R, che ha il quattro cilindri Desmo ispirato alla MotoGP e potrebbe (commissari permettendo), spingersi fino a 16.000

I limitatori 2018 erano impostati così

Da noi interpellato sull’argomento, il team manager Kawasaki, lo spagnolo Guim Roda, ha risposto in maniera sibillina: “Non abbiamo ancora ricevuto comunicazioni ufficiali, ma tenete come riferimento le regole del 2018. E’ quello che stiamo facendo noi”. Per la cronaca i valori regolamentari della passata stagione, da Brno, in poi, erano:  BMW 14.950; Yamaha 14.700; Honda 14.550; Kawasaki 14.100. Non riportiamo i valori di MV Agusta e Aprilia (uscite di scena), tantomeno della Ducati bicilindrica sostituita dalla V4R. Lunedi 18 febbraio scattano le ultime due giornate di test, speriamo di poterli veder girare coi limitatori già impostati correttamente….

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

La Gazzetta dello Sport e Corsedimoto, tutto sul Mondiale Superbike

Tom Sykes: “La BMW è già lì, ora vediamo che succede”

Jonathan Rea: “Per vincere serve un altro passo avanti”