MotoGP, Marc Marquez

MotoGP, un problema per Marc Marquez: troppe cadute in casa Honda

Nelle prime tre gare della stagione MotoGP 2021 Honda ha rimediato 11 cadute. Marc Marquez ammette: "C'è qualcosa che non capisco".

23 aprile 2021 - 15:39

Dopo i tanti test invernali privati, Stefan Bradl sarà in pista anche nel round MotoGP di Jerez come wild-card. La Honda sta cercando di migliorare il feeling con l’avantreno della RC213V, che finora ha causato 11 cadute nei primi tre Gran Premi. 4 con Alex Marquez, 3 con Taka Nakagami e Pol Espargarò, una con il tedesco. Ben un terzo delle cadute complessive registrate in MotoGP (31) portano la firma HRC. Ducati ha riportato egual numero di cadute, ma con sei moti in griglia e tre rookie tra le proprie fila. Un solo incidente per Yamaha e Suzuki.

Non è un mistero che la RC-V sia una delle moto più difficili da domare, motivo per cui necessita di uno stile di guida aggressivo. Ma questa situazione preoccupa non solo i vertici della casa giapponese, ma anche Marc Marquez. A Portimao ha rischiato di cadere due volte, con conseguenze imprevedibili per il suo braccio destro non ancora al top della forma. Suo fratello Alex si è rotto il dito di un piede nei test MotoGP in Qatar. Nakagami ha dovuto saltare le qualifiche dopo lo scivolone nelle libere, cadendo a 250 km/h sul rettilineo. Bisogna correre ai ripari. “C’è qualcosa in questa moto che non capisco – ha ammesso Marc Marquez -. Ci sono state diverse cadute incomprensibili“.

Il fenomeno di Cervera ha gareggiato con una configurazione leggermente diversa e non ha spinto al limite. “Dobbiamo mettere a punto la moto e poi, quando avremo le condizioni per spingere, metteremo a punto la moto in un altro modo“. Le 11 cadute di inizio campionato mettono in luce i punti deboli del prototipo giapponese. Anche Pol Espargarò ha riportato un incidente nelle FP4. A mettere in evidenza le difficoltà di gestione dell’avantreno è Taka Nakagami, che ha corso con un forte dolore al petto. “Tutti i piloti Honda stanno lottando contro questa mancanza di feeling all’anteriore. Anche Alex e Stefan Bradl stanno avendo questo problema, anche se Stefan usa una configurazione completamente diversa. È facile perdere l’anteriore. Ma non è un problema che possiamo risolvere in un giorno“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Paolo Ciabatti e Jack Miller

MotoGP, Ducati: al Mugello è tempo di annunci. VR46 resta un’incognita

filip salac moto3

Moto3: Filip Salac, finalmente il podio! “Momento atteso per anni”

Oliveira KTM MotoGP

MotoGP, Miguel Oliveira: “I risultati non rispecchiano il nostro potenziale”