MotoGP Sepang Marc Marquez “Sarà una gara diversa, ma farò come sempre”

Marquez e Morbidelli, che possono conquistare l'iride già a Sepang, protagonisti in conferenza stampa assieme a Dovizioso, Vinales, Rossi e Zarco.

26 ottobre 2017 - 10:04

La conferenza stampa inaugurale odierna, come da tradizione, apre un nuovo fine settimana di gare, il penultimo della stagione, di scena sul tracciato malese di Sepang. Presenti all’evento il leader iridato MotoGP Marc Marquez ed il capoclassifica Moto2 Franco Morbidelli, alla prima vera occasione di assicurarsi il campionato. Assieme a loro hanno risposto alle domande anche Andrea Dovizioso, Maverick Vinales, Valentino Rossi ed il neo Rookie dell’Anno Johann Zarco.

Il primo a prendere la parola è Marc Marquez: “Quello che dobbiamo fare è mantenere la stessa mentalità, anche se questo sarà di sicuro un weekend diverso. In ogni caso io devo rimanere concentrato e dare sempre il massimo, visto che sarà un weekend difficile con tanti piloti competitivi. Sepang non è una delle mie piste preferite, ma ad inizio anno siamo stati veloci ed ora dobbiamo mantenere il vantaggio di 33 punti in classifica iridata, tanti ma mai abbastanza. Ho rivisto la gara di Phillip Island una sola volta lunedì e sono davvero contento di essere stato uno dei protagonisti di quella gara, che si è rivelata una battaglia dall’inizio alla fine.”

Andrea Dovizioso ha perso molti punti in Australia, ma non è intenzionato ad alzare bandiera bianca: “Dopo il brutto risultato ottenuto a Phillip Island mi sono goduto qualche giorno di relax per ricaricare le batterie e prepararmi alla gara successiva. Sicuramente sarà un appuntamento difficile ma il campionato è ancora aperto, speriamo di trovare bel tempo. L’anno scorso abbiamo conquistato una grande vittoria dopo una bella battaglia con Iannone e Valentino, quest’anno dobbiamo cercare di essere competitivi in qualsiasi condizione si presenti e fare la scelta migliore anche per quanto riguarda le gomme.”

Tocca poi a Maverick Vinales, ormai fuori dai giochi iridati ma tornato sul podio in Australia: “Ad essere sincero non mi aspettavo di salire sul podio a Phillip Island, soprattutto dopo il contatto con Iannone, ma sono stato bravo a recuperare e sono contento anche delle sensazioni avute con la gomma posteriore, un aspetto positivo in vista di Sepang. Sono sicuro che anche qui possiamo realizzare un buon lavoro: è una pista che mi piace molto e Yamaha è competitiva, spero di ottenere un buon risultato.”

Valentino Rossi è ottimista dopo un fine settimana da protagonista vissuto pochi giorni fa: “Per me è stato un piacere disputare quella gara, mi sono davvero divertito e arriviamo a Sepang in buona forma, anche se le condizioni saranno molto diverse visto che il maltempo sembra seguirci ovunque andiamo. Dobbiamo però cercare di essere competitivi in ogni condizione, anche sul bagnato, considerando che quest’anno non mi sento così forte. Ho lavorato tanto dopo l’infortunio, non tanto per tornare il più presto possibile ma soprattutto pensando a queste tre gare consecutive, che sono molto difficili fisicamente: spero di mostrare un buono stato di forma.”

Parla poi Johann Zarco, mostratosi particolarmente combattivo anche a Phillip Island e determinato a ripetersi: “Sono molto contento della battaglia vista in Australia e soprattutto di averne fatto parte. Abbiamo realizzato alcuni miglioramenti che spero funzionino anche qui: vorrei essere di nuovo parte del gruppo in lotta per il podio, come successo per quasi tutta la scorsa gara. Abbiamo completato dei test ad inizio anno su questa pista, ma si tratta di molti mesi fa e chiaramente è tutto diverso, anche se abbiamo le nostre ragioni per essere competitivi.”

Chiude il giro di domande Franco Morbidelli, che già questo weekend potrebbe portare a casa il titolo iridato nella categoria intermedia: “So che non sarà un fine settimana come tutti gli altri, ma voglio mantenermi concentrato e fare come sempre, cercando di dare il meglio in ogni momento. Mi piace questa pista e speriamo che non piova perché preferisco le condizioni più “chiare”. A Phillip Island sono rimasto sorpreso dalle KTM: ho cercato di tenermi davanti a Binder per tutta la gara ma lui era più veloce di me. In ogni caso la terza posizione è un buon risultato in ottica campionato, ma tra tutte le squadre KTM sta migliorando davvero tanto e sarà un aspetto interessante in vista della prossima stagione.” ‘Morbido’ ammette però di aver messo a dura prova la sua proverbiale calma a Misano, “per me la gara più complicata in questa stagione.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Danilo Petrucci: “Dovi ed io diamo il massimo, ma non basta”

MotoE, Aki Ajo: “L’intensità della competizione è stata una rivelazione”

Carlo Pernat: “La MotoGP ha bisogno di Valentino Rossi”