MotoGP: Quali obiettivi per Red Bull KTM Tech 3 in Qatar?

Primo GP importante per la squadra di Hervé Poncharal, ora Red Bull KTM Tech 3. Hafizh Syahrin e Miguel Oliveira chiamati ad una sfida impegnativa.

5 marzo 2019 - 14:59

Una difficile sfida attende la squadra di Hervé Poncharal, verso il primo Gran Premio come team satellite KTM. Sarà un nuovo inizio per Red Bull KTM Tech 3, che punta per questa nuova stagione su Hafizh Syahrin e sul rookie Miguel Oliveira. Che obiettivi vuole porsi questa rinnovata struttura? Servirà un po’ di tempo per conoscere a fondo le KTM RC16, ma l’entusiasmo in squadra non manca, così come la fiducia in risultati importanti a lungo termine.

Da dire che fino a questo momento le difficoltà non sono mancate. Sia il pilota malese che il vice-campione Moto2 sono rimasti ben lontani dai primi della classe nel corso dei test invernali. Syahrin deve ripartire da zero, dimenticando la YZR-M1 guidata l’anno scorso, mentre per Oliveira continua il processo di adattamento ad una moto della categoria regina. “Al momento non siamo al top, ma puntiamo a ridurre gara dopo gara il distacco dai primi” ha dichiarato Hervé Poncharal, che esprime piena fiducia nel potenziale dei suoi piloti.

Ciò che non manca a Hafizh Syahrin è il sorriso e l’entusiasmo, caratteristiche sempre sottolineate dal Team Manager. “Ho davvero voglia di cominciare!” ha detto il pilota malese. “Questo periodo è stato duro, abbiamo lavorato tanto per cercare di adattarci alla moto. Le buone sensazioni in sella sono aumentate, anche se siamo ancora un po’ lenti, ma siamo sicuri di poterci avvicinare ai primi un giorno.” Per lui si tratterà della seconda stagione con Tech 3, pur con radicali cambiamenti. “La squadra è straordinaria, tutti insieme continuiamo a lavorare sodo, per poi affrontare la gara con la mente lucida. Vedremo cosa potremo fare, spero di riuscire ad ottenere un piazzamento migliore rispetto ai test.”

Concentrato al massimo Miguel Oliveira, pronto per vivere nella realtà quello che ha sempre definito un sogno. Sarà infatti il primo pilota portoghese ad approdare nella categoria regina. “L’approccio alla prima gara è sempre semplice: devo dare il massimo e fare il mio lavoro, oltre a rendere felice la squadra col mio risultato.” Con queste parole, Oliveira si prepara per la tappa in Qatar. “Per me sarà importante finire la gara” ha aggiunto. “Devo fare esperienza e migliorare lo stile di guida. Non penso a nessun obiettivo specifico. Certo, l’esordio è sempre importante, ma essendo la prima gara non penso a niente. Voglio solo lasciare il Qatar con il sorriso.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Graziano Rossi: “Vorrei vedere Valentino correre per sempre”

MotoGP: Ducati che ancora non svolta e il sogno Marc Marquez

MotoGP: Dal 19 al 20 agosto si prova al KymiRing