maverick vinales

MotoGP, Motegi: Prove 1 nel segno delle Yamaha

Tripletta Yamaha al comando della classifica delle FP1, con Maverick Viñales a precedere i piloti Petronas Fabio Quartararo e Franco Morbidelli.

18 ottobre 2019 - 4:48

Prima sessione di prove libere con le Yamaha al comando sul tracciato Honda. Maverick Viñales è il più rapido con un crono di 1:45.572 realizzato sul finale. Seguono Fabio Quartararo e Franco Morbidelli del team satellite della casa dei tre diapason. Marc Márquez stampa il quarto crono delle FP1, seguito dalle Suzuki di Alex Rins e Joan Mir, 7° posto per la prima Ducati, quella di Jack Miller. Secondo turno di libere che scatterà alle 8:05 ora italiana.

Box Suzuki più affollato questo fine settimana, con il tester Guintoli wild card (con un motore 2020 rivisto) accanto agli ufficiali Rins e Mir. Occhi chiaramente puntati sul pilota di casa Nakagami, all’ultimo GP stagionale, ma registriamo nel paddock anche i fratelli Aoki, che osservano da vicino l’attività della categoria regina. In pochi minuti Márquez, che ripropone il casco utilizzato nell’edizione 2018 di questo GP, si porta al comando della classifica dei tempi. Si lavora molto in questa prima giornata: le previsioni infatti indicano pioggia intensa per sabato.

Rossi è tornato alla ‘vecchia’ M1: in questa occasione non si vedono il forcellone in carbonio, il doppio scarico e la differente carenatura, le ultime novità. Il pilota di Tavullia cerca di risolvere i problemi al posteriore registrati nell’ultimo periodo. Sulla Desmosedici di Dovizioso rivediamo la copertura sulle ruote anteriore e posteriore. Il turno si chiude con una top 3 tutta Yamaha: Maverick Viñales precede Fabio Quartararo e Franco Morbidelli, 4° l’iridato Marc Márquez davanti alla coppia Suzuki.

La classifica

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Alberto Puig team manager HRC

MotoGP, Alberto Puig: “I Marquez sono piloti, non vedo fratelli”

Alex Marquez

MotoGP, ufficiale: Alex Marquez firma con Repsol Honda

Danilo Petrucci MotoGP 2019

MotoGP, Danilo Petrucci esausto: “Non mi sono mai fermato”