MotoGP, Le Mans: Pole con caduta per Marc Márquez

Marc Márquez in pole position a Le Mans nonostante una caduta. Prima fila per Danilo Petrucci e Jack Miller (anche lui scivolato).

18 maggio 2019 - 15:00

Le condizioni meteo a Le Mans continuano a non essere delle migliori, ma questo non rovina troppo i piani di Marc Márquez. Nonostante una caduta nelle FP4 ed in Q2, il campione in carica conquista la pole position (terza stagionale, la numero 55 in MotoGP, eguagliando Rossi) anche sulla pista bagnata di Le Mans. In prima fila con lui la rossa di Danilo Petrucci, a precedere l’ex compagno di squadra Jack Miller (anche lui protagonista di una caduta), quest’ultimo in top 3 per la prima volta dal Giappone 2018. Gara al via domenica alle 14:00.

Si comincia dalla Q1, partendo inizialmente con gomme da pioggia, prima che qualcuno decida di utilizzare sul finale gli pneumatici da asciutto. Italiani in particolare all’attacco, alla ricerca delle due posizioni che possono garantire l’accesso alla Q2. Cade sul finale Miguel Oliveira, mentre ottengono il passaggio al secondo turno di qualifiche Valentino Rossi e Franco Morbidelli. Per loro ottima la tattica di utilizzare le slick sul finale, una mossa che ha garantito loro la Q2.

Il più importante turno di qualifiche comincia con i soli Rossi, Viñales e Quartararo con le gomme slick, ma non è la scelta migliore visto che la pioggia ricomincia a cadere: si torna subito alle rain. Arriva la seconda caduta di giornata per Marc Márquez dopo la scivolata nelle FP4, a terra anche Miller, Nakagami e Pol Espargaró. Sarà comunque il campione in carica a conquistare la pole position, affiancato da Danilo Petrucci e da Jack Miller, seconda fila tutta italiana con Dovizioso, Rossi e Morbidelli, l’idolo di casa Quartararo scatta dal 10° posto.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Fabio Quartararo

MotoGP, Fabio Quartararo: “Ho dimostrato di meritare la Yamaha”

MotoGP furti Sepang

MotoGP, furti a Sepang: recuperata la refurtiva

Valentino Rossi

Valentino Rossi: “2020 anno cruciale: se non miglioriamo addio MotoGP”