MotoGP, Jorge Lorenzo

MotoGP, Jorge Lorenzo: “Marc Marquez è diverso dagli altri”

Jorge Lorenzo ritorna a parlare su TikTok del suo ex rivale MotoGP Marc Marquez: "La differenza tra lui e gli altri piloti è che non si arrende mai".

10 giugno 2021 - 15:30

Jorge Lorenzo ha deciso di dire addio alla MotoGP nel novembre 2019, con una conferenza stampa a sorpresa. Da allora ha focalizzato l’attenzione sugli investimenti immobiliari, sul mercato delle auto sportive di lusso, presta la sua immagine come testimonial. E da qualche mese si cimenta anche come commentatore delle gare, risponde ai suoi fan sui social, prestandosi anche a domande scomode. Dopo 12 anni in classe regina resta una voce autorevole, anche se alcuni suoi colleghi non hanno mancato di bersagliarlo per certi giudizi poco gentili. Una su tutte, la caduta di Cal Crutchlow in sella alla Yamaha durante il test in Qatar.

Da Pedrosa a Marquez passando per Vale

Nella sua ultima stagione in MotoGP ha condiviso il box con una leggenda del calibro di Marc Marquez. Conosce bene pregi e difetti del Cabroncito, il suo addio è stato dettato anche dalla difficile convivenza con il fuoriclasse. E dall’impossibilità a poter dettare una linea di evoluzione più personale per la Honda RC213V. Non è stato certamente l’unico rivale della sua carriera. “Nella 250cc ho avuto molte difficoltà a battere Dani Pedrosa perché era molto veloce”. Nei primi anni della MotoGP ha dovuto fare i conti con Valentino Rossi per farsi spazio in Yamaha. “Era in ottima forma dal 2008 al 2010 e anche nel 2015“, ha ammesso Jorge Lorenzo.

Fino ad arrivare a Marc Marquez, che ha affrontato prima da rivale di marca poi da compagno di squadra. Sin dall’esordio in MotoGP nel 2013 si è rivelato un osso duro per tutti. “Era incredibilmente forte fino a quando non me ne sono andato… Penso che Marc Marquez sia il miglior pilota in griglia, è un animale selvaggia sotto molti aspetti. Adesso ha un osso duro con Fabio Quartararo, ma quando si sarà ripreso dall’infortunio dimostrerà sicuramente cosa può fare“. Infine Jorge Lorenzo conclude: “La differenza tra Marc e gli altri piloti è che Marc non si arrende mai, indipendentemente dalle circostanze ed è per questo che era probabilmente il più difficile di tutti gli avversari“.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” Bestseller su Amazon Libri

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

moto2 morbidelli sachsenring

Moto2, Italia vincente al Sachsenring solo con Morbidelli. Ed in 250cc…

La Honda RC213V nel test in Catalunya

MotoGP, Alberto Puig: la Honda “total black” resta top secret

MotoGP, Franco Morbidelli e Valentino Rossi

MotoGP, Valentino Rossi: “Il Sachsenring è una pista diversa”