MotoGP: Forcada “Rossi con lo scambio dati ha sbagliato”

Parla di "guerra psicologica" voluta dal 9 volte iridato

26 maggio 2010 - 4:59

La mancata condivisione dei dati della telemetria tra Valentino Rossi e Jorge Lorenzo è stato un pò l’argomento di discussione dell’inverno. Il risultato? Alla fine il 9 volte iridato sa di lavorare esclusivamente per se, d’altro canto “Porfuera” ha pienamente dimostrato che con la propria squadra la messa a punto della YZR M1 riesce a farla eccome. Proprio di questo ha voluto parlare Ramon Forcada, responsabile tecnico di Lorenzo, in seguito al Gran Premio di Francia a Le Mans, vinto dal proprio pilota battendo Rossi per il secondo evento di fila.

Secondo Forcada, come ha confidato ad “AS“, tutta questa storia dello scambio-dati è una “tontería”, una stupidaggine, sciocchezza che non è servita a nessuno, nemmeno a Valentino Rossi che ha provato, sue parole, a dar vita ad una guerra psicologica.

Nel 2008 non abbiamo potuto condividere i dati della telemetria perchè avevamo gomme diverse (Bridgestone per Rossi, Michelin per Lorenzo, ndr). L’anno scorso le informazioni erano condivise e c’erano sicuramente più dati, ma non era molto importante, non era sicuramente decisivo. Quest’anno la Yamaha ha deciso di non condividere i dati tra i due box e noi non ci siamo mai lamentati o preoccupati.

Quella di Rossi è stata una guerra psicologica che non ha vinto, penso che tutta questa storia sia una stupidaggine, ogni pilota si prepara la moto a proprio piacimento e secondo il suo stile di guida, non serve copiare da altri.

Lorenzo quest’anno va così forte perchè ha un anno in più di esperienza sulle spalle e ha imparato dagli errori, lavoriamo tutti molto duramente nei week-end e lui ha una grande continuità. Il mio consiglio è quello di restare così“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

motogp brno

MotoGP, Brno: Gli orari del 8/08, diretta Sky Sport/DAZN e differita TV8

MotoGP, Marc Marquez

MotoGP, manager di Marc Marquez: “Abbiamo dato fiducia ai dottori”

crutchlow motogp

MotoGP, Cal Crutchlow: “Cambi di manubrio e di posizione in moto”