MotoGP: Commozione cerebrale per Hafizh Syahrin

GP difficile per Syahrin, che riporta una commozione cerebrale in seguito ad una caduta. Poncharal: "Sembra più nervoso, non deve sprecare queste occasioni."

11 agosto 2019 - 21:45

Non si chiude bene il fine settimana austriaco per Hafizh Syahrin. Il pilota malese ha finito anzitempo il suo Gran Premio con una caduta, ma ci sono state conseguenze. Dopo i controlli al Centro Medico, l’alfiere Tech 3 è stato portato nell’ospedale locale per una commozione cerebrale. Per il momento rimane ricoverato in osservazione, per escludere altre lesioni più serie.

Un altro fine settimana difficile per Hafizh Syahrin, che continua ad avere problemi con la sua KTM. Sempre in coda alla classifica dei tempi, scattava dalla penultima casella in griglia, a caccia di un buon risultato. La sua gara è durata appena tre giri, prima di un incidente che l’ha posto fuori gioco. Come detto, il pilota Red Bull KTM Tech 3 è stato portato subito al Centro Medico e poi in ospedale.

Esprime un po’ di preoccupazione il boss Hervé Poncharal, che ha notato qualche cambiamento nel suo pilota. “Da quando è tornato dalle vacanze, Hafizh sembra più nervoso e forse sta spingendo troppo, andando oltre il limite. L’hanno portato in ospedale per controlli, ha una piccola commozione cerebrale. A parte questo sembra a posto, stiamo aspettando il suo pronto ritorno.”

“Dobbiamo sederci assieme e parlare con lui” ha continuato Poncharal, parlando appunto dell’aspetto emotivo di Hafizh Syahrin. “Dobbiamo fargli capire che l’aspetto più importante è concludere la gara e soprattutto a posto fisicamente. Penso abbia un’altra possibilità di andare a punti, ma stavolta l’ha sprecata. Vediamo comunque l’aspetto positivo, ci teniamo le buone sensazioni di questo weekend.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

kymiring motogp

MotoGP: Primo test al Kymiring per i collaudatori

Silvano Galbusera

MotoGP, Silvano Galbusera: “Valentino Rossi supera la telemetria”

Romano Albesiano

MotoGP, Albesiano: “Andrea Iannone fatica ad adattarsi all’Aprilia”