MotoGP Andrea Iannone “Inizio sfortunato, ci meritiamo molto di più”

MotoGP Andrea Iannone "Inizio sfortunato, ci meritiamo molto di più" L'abruzzese confida nel GP Americas per puntare in alto

20 aprile 2017 - 12:53

Tempo di riscatto per il team Suzuki Ecstar ad Austin: dopo il piazzamento fuori dai punti di Andrea Iannone, penalizzato in Argentina con un ride through per partenza anticipata, oltre ad uno zero del rookie Alex Rins, che ha chiuso in anticipo la gara per caduta, i due piloti sono decisi a cambiare marcia fin da questo weekend sul tracciato texano.

L’italiano, che deve ancora raccogliere i primi punti iridati quest’anno a causa del doppio zero ottenuto nelle prime due gare stagionali, ha conquistato l’anno scorso il suo primo ed unico podio sulla pista americana, un terzo posto con Ducati, mentre lo spagnolo vanta un successo in Moto3 (2013) ed uno in Moto2 (2016), oltre ad un altro podio ottenuto due stagioni fa sempre nella categoria intermedia.

Quest’inizio di stagione non è stato positivo in termini di risultati” ammette Iannone, “ma le nostre performance sono migliorate costantemente negli ultimi mesi, stiamo facendo un buon lavoro. Il circuito di Austin forse non si adatta al meglio alle caratteristiche della nostra moto, ma dobbiamo essere in grado di adattarci ad ogni tipo di pista. Spero di vivere un weekend positivo in Texas, ci meritiamo risultati migliori rispetto a quanto ottenuto finora.”

Ho bei ricordi di questo tracciato” ha dichiarato Rins, all’esordio in MotoGP sul tracciato americano, “è una pista molto ampia, con curve unite tra loro in maniera da rendere la guida divertente. L’asfalto di solito ha un buon grip, fatto questo che ti aiuta in termini di performance, ma meno per quanto riguarda il consumo delle gomme. Spero però che tutto questo ci aiuti a sfruttare al meglio il potenziale della GSX-RR.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

pirro valencia 2011 - motogp

MotoGP, la storia: I piloti italiani con una sola vittoria in gara (parte 2)

quartararo yamaha motogp

MotoGP: Fabio Quartararo, prima visita al quartier generale Yamaha

MotoGP, circuito di Phillip Island

MotoGP, l’Australia chiude i confini: bye bye Phillip Island?