MotoGP Andrea Iannone “Con Ducati siamo rimasti molto lontani”

Il pilota abruzzese spiega alla Gazzetta dello Sport perchè non c'è stato rinnovo con la Rossa.

18 dicembre 2016 - 10:58

Andrea Iannone intervistato da La Gazzetta in edicola domenica 18 dicembre spiega perchè si è arrivati al divorzio con la Ducati.

“Ho fatto il possibile per non arrivare a questo. Da tutte e due le parti abbiamo teso le mani ma non siamo arrivati a toccarci. Siamo rimasti molto lontani.”

Stiamo parlando di richiesta e offerta economica?

No, no. E’ un discorso molto più ampio. Ho un bellissimo ricordo dei quattro anni in Ducati: dei due in Pramac e dei due da pilota ufficiali, stagioni difficili ma belle. Io non sono una persona facilissima con cui avere a che fare nei week end di gara, per cui ringrazio Gigi Dall’Igna e poi Paolo Ciabatti, Davide Tardozzi, Julian Thomas e ovviamente Claudio Domenicali”. 

Andrea Dovizioso ha detto che lei e il suo gruppo non avete rispetto per nessuno.

“Mi dispiace che pensi questo. Ci conosciamo da sempre, fin da quando correva contro mio fratello nelle minimoto.  Per me, non c’è grande amicizia ma il rispetto si. Anche tra i nostri genitori. Lo stimo molto, come uomo e come pilota, poi in pista c’è rivalità naturalmente. Quello che è successo in Argentina non ha aiutato, ti puoi scusare mille volte ma poi le scatole girano sempre. Penso che per lui siano stati due anni con un compagno difficile da battere, esattamente come per me.”

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

snipers team moto3 2020

Moto3: Ecco lo Snipers Team con Arbolino e Salač. Obiettivo titolo

MotoGP, Valentino Rossi e Marc Marquez

MotoGP, Rossi o Marquez: chi è l’eroe del corpo a corpo?

Luigi Bellon al Motor Bike Expo di Verona

Verona MBE 2020: Luigi Bellon riceve il premio alla carriera