Marc Marquez: “La bandiera nera? Nostro errore”

Bandiera nera a Phillip Island nel flag to flag

20 ottobre 2013 - 6:33

Da una possibile conquista del titolo con due gare d’anticipo, ad una squalifica con bandiera nera. La prima esperienza di gare “flag to flag” per Marc Marquez si è conclusa nel peggior modo possibile. In piena corsa per la vittoria, su indicazione della squadra è rientrato ai box per la sosta (obbligatoria) per il cambio moto un giro più tardi (l’11°) rispetto a quanto imposto dalla Race Direction (“finestra” dal 9° al 10° passaggio). Inevitabile la squalifica, con il risultato di rimediare un pesante-zero ai fini campionato passando da +43 a soltanto 19 lunghezze di vantaggio rispetto a Jorge Lorenzo.

Con la squadra avevamo definito una strategia prima della gara“, spiega Marc Marquez. “Sarei dovuto rientrare ai box dopo il decimo giro, ma a quanto pare questo non conta come un giro extra. E’ stato un grande errore, c’è poco da dire.

Avevamo pianificato tutto nel dettaglio e ho rispettato alla lettera le indicazioni dalla tabella del muretto box. Bisogna imparare dagli errori ed è quello che farò per le prossime gare: come prima esperienza di gara “flag to flag” non è stata proprio da ricordare.

Adesso il vantaggio è diminuito in campionato, ma dobbiamo pensare avanti. Per quanto mi riguarda sono già concentrato sulla prossima gara in Giappone“.

La HRC, per voce di Livio Suppo, ha confermato che si è trattato di un errore della squadra, “scagionando” di fatto Marc Marquez.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Valentino Rossi, #SanMarinoGP

Valentino Rossi e Fabio Quartararo: il veterano e l’apprendista

Marc Marquez

MotoGP, Cal Crutchlow: “Marc Marquez non ha i nostri problemi”

jesko raffin intact gp

Moto2: Ad Aragón Jesko Raffin al posto di Schrötter