A Barcellona il primo summit MotoE

Si è concluso il primo Summit MotoE, riunione per fare il punto sul nuovo campionato di moto elettriche con tutte le persone coinvolte nel progetto.

14 febbraio 2019 - 9:35

In questo 2019 prenderà il via la FIM Enel MotoE World Cup, che scatterà a maggio in concomitanza con il Gran Premio di Spagna. Prima di allora però ci saranno altri impegni dietro le quinte per preparare al meglio il debutto di questo nuovo campionato. Un primo evento è il Summit MotoE organizzato a Barcellona per riunire tutte le persone coinvolte nel progetto e tracciare un quadro di ciò che li attende.

Il primo a parlare è stato Carmelo Ezpeleta, che ha illustrato il ruolo di Dorna e gli obiettivi della Coppa del Mondo elettrica. “L’obiettivo è sviluppare al massimo questo campionato” ha dichiarato. “Puntiamo ad un progetto che da migliorare nei prossimi tre anni. Vogliamo che ci sia una nuova competizione del Mondiale e speriamo che siate tutti lieti di farne parte.”

Tra gli altri, non è mancato Nicolas Goubert, direttore esecutivo della nuova Coppa del Mondo e uomo chiave nello sviluppo del progetto. Goubert ha ampiamente spiegato come è organizzato il cosiddetto E-Paddock, come si svolgeranno le gare, i dietro-le-quinte, con approfondimenti su squadre, piloti e sicurezza. Presenti anche rappresentanti di Energica (costruttore delle nuove MotoE), in particolare il CEO Livia Cevolini ed il CTO Giampiero Testoni, così come Francesco Venturini, CEO del main sponsor Enel X.

Chiusa questa prima riunione, si attende quindi di entrare ufficialmente in azione. I 18 rappresentanti del nuovo campionato MotoE dovranno però attendere ancora: i primi test ufficiali saranno ‘solo’ dal 13 al 15 marzo a Jerez. Una seconda sessione di test è in programma poi dal 23 al 25 aprile sempre sulla pista andalusa, che ospiterà la prima gara il 5 maggio.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Danilo Petrucci: “Dovi ed io diamo il massimo, ma non basta”

MotoE, Aki Ajo: “L’intensità della competizione è stata una rivelazione”

Carlo Pernat: “La MotoGP ha bisogno di Valentino Rossi”