Tom Sykes

Tom Sykes contento a metà “Non rifarei la stessa scelta di gomma”

La BMW punta sulla gomma ultrasoffice ma non funziona. Tom Sykes è comunque ancora ad un passo dal podio. "Abbiamo un'elettronica super"

14 luglio 2019 - 14:55

Tom Sykes è stato uno dei tre piloti a giocare il jolly SCX, la copertura ultra soffice che Pirelli ha progettato per la gara sprint di appena dieci giri. Pensare di farne 25 era un pò azzardato, ma per chi non ha un Mondiale da giocarsi in talune circostanze potrebbe diventare l’asso nella manica. Non è stato questo il caso. La BMW si è ritrovata in quarta posizione e quando sarebbe stata l’ora di attaccare il terzo podio di Toprak Razgtalioglu, il Boscaiolo non aveva più aderenza.

“POTEVAMO ESSERE PIU’ AVANTI”

Abbiamo giocato la carta X, si potrebbe dire a prima vista che abbia dato i suoi frutti, visto che siamo arrivati quarti, ma in realtà non è così” si rammarica Tom Sykes. “Il pneumatico è rapidamente deteriorato, così dopo qualche giro ho dovuto calmarmi e pensare solo ad arrivare in fondo. L’aspetto positivo del pomeriggio è che siamo qui a rammaricarci per un quarto posto, che ad inizio stagione rappresentava un sogno, per noi. Non dimenticate che siamo partiti a dicembre e in pochi mesi siamo a questo punto.”

“BWM HA UN’ELETTRONICA SUPER”

Tom Sykes è tornato a parlare della gestione motore proprietaria che in passato piloti e squadra avevano messo all’indice, non ritenendola competitiva nel Mondiale. “La BMW ha un controllo di trazione assai efficiente un’elettronicaa super. La squadra ha fatto un lavoro ottimo. Sono impaziente di correre le due gare della domenica”. 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Leon Camier, Superbike

Superbike: Leon Camier “Non ho bisogno di un nuovo intervento”

Jonathan Rea campione Superbike

Superbike, Jonathan Rea: “Natale momento speciale per noi”

Superbike, Maximilian Scheib

Superbike: Arriva il cileno Maximilian Scheib, al via ben 24 piloti