Superbike, Alvaro Bautista “Abbiamo fatto esperimenti”

Il ducatista ha chiuso il venerdi in sesta posizione ma spinto forte solo nei dieci minuti finali. "Eravamo andati fuori strada con l'assetto"

12 aprile 2019 - 17:22

Se pensate che Alvaro Bautista in sesta posizione significhi Ducati in difficoltà siete proprio fuori strada. Nel venerdi di Assen (qui cronaca e tempi) lo spagnolo ha fatto parecchi test di assetto, ribaltando la messa a punto rispetto ai round precedenti che aveva dominato. Negli ultimi dieci minuti della sessione finale ha rimesso tutto come prima ed è piombato ad un solo decimo dalla Kawasaki di Jonathan Rea, autore del secondo tempo. Davanti c’è la BMW di Tom Sykes, velocissima ma probabilmente  non così consistente sulla distanza di gara.  Assen è una ghiacciaia ma sabato alle 14 in pista farà caldissimo (qui gli orari TV)

“Nella sessione del mattino non avevo feeling, abbiamo cambiato la geometria dell’anteriore ma non mi trovavo tanto bene. Nella seconda invece abbiamo provato qualcosa con il posteriore, ma siamo andati esattamente nella direzione sbagliata. Con una moto soltanto a disposizione non è facile fare test durante le prove ufficiali…”

E come ne siete usciti?

“A tentativi. Dopo aver toccato il fondo siamo andati nella direzione opposta, ma non andava neanche quella. Così ho chiesto di rimettere tutto in configurazione standard e ho ritrovato la fiducia di sempre. Solo che erano rimasti appena dieci minuti.”

Perchè avete fatto queste prove?

“Perchè volevamo sondare nuove strade, la moto è nuova e su circuiti come questo partiamo da zero. In questo venerdi, se non altro, abbiamo accumulato parecchi dati…”

Rea pensa di poter vincere. Si illude?

“Non lo so. Siamo tutti molto vicini, sarà una gara molto interessante. Io partirò per dare il massimo, alla fine vedremo dove siamo”.

Foto Diego De Col 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Jonathan Rea ammette: “Chaz Davies è tornato fortissimo”

Alvaro Bautista: Il problema è l’usura da allenamento?

Superbike 2020: Tom Sykes resterà in BMW