Superbike: Ducati morale alto “Quando conta, ci saremo”

Parla il direttore sportivo Serafino Foti: "Chaz Davies sta bene, era solo un risentimento muscolare. Gli altri? Siamo tutti vicini"

26 gennaio 2019 - 16:51

Da Jerez (Andalusia) verso la vicina Portimao (Algarve) con la mente già proiettata verso Phillip Island, supertracciao australiano che fra meno di un mese aprirà le ostilità 2019.  Il campionato d’inverno della Superbike va avanti a ritmo serrato: domenica 27 e lunedi 27 sull’ottovolante portoghese la Ducati tornerà a caccia dell’ancora imprendibile Jonathan Rea, che con la nuova Kawasaki sta facendo il vuoto in questi “winter test”. Il quattro volte iridato è sempre stato il più veloce, prima ad Aragon e poi nella doppia tappa di Jerez. Nel box della Rossa però il morale è alto: Alvaro Bautista ha concluso la due giorni andalusa a quattro decimi da Rea, quarto tempo assoluto.

“La classifica neanche la guardiamo,  i tempi in questo momento sono la nostra ultima preoccupazione” sorride Serafino Foti, direttore sportivo Ducati. “Stiamo facendo un bel precampionato, stiamo raccogliendo tantissimi dati e indicazioni che ci saranno utili per trovare un set up di base e capire quali sono le aree della nostra Panigale V4R su cui lavorare maggiormente. I veri valori emergeranno in Australia, quando conterà noi siamo convinti di esserci”. 

Però oltre alla Kawasaki, anche Yamaha sta facendo passi avanti…

“Sul giro secco tanti vanno forte, ma altri neanche hanno  montato le gomme soffici. Rea per esempio, e anche noi abbiamo fatto lo stesso. Per cui capire il potenziale di piloti e moto al momento è molto difficile. Noi andiamo avanti per la nostra strada, e siamo assai fiduciosi”.

Chaz Davies ha girato pochissimo il secondo giorno a Jerez. Come sta adesso?

“Il problema è stato un risentimento muscolare alla schiena, la caduta del giorno precedente non c’entrava nulla. Durante l’inverno si è allenato moltissimo, forse ha pagato un pò lo sforzo. Abbiamo fatto anche una risonanza magnetica per sicurezza, ma è tutto a posto. Nella pausa fra Jerez e Portimao Chaz ha fatto molta fisioterapia e credo che domenica mattina sarà di nuovo in forma.”

Chi ti sta impressionando degli altri?

“L’ho detto, in questa fase del precampionato è difficile fare valutazioni. L’unica certezza è che Jonathan Rea ha sempre in mano la situazione. Ma siamo al lavoro per creargli qualche grattacapo….”

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Michael Rutter

Clamoroso: Michael Rutter ufficializzato vincitore del Macau GP 2019

Macau

Cancellato il Macau Motorcycle GP 2019: nessun vincitore

Macau

Doppia bandiera rossa al Macau GP, gara cancellata?