Superstock 600 Imola Prove Libere: italiani subito protagonisti

Fabio Massei e Giuliano Gregorini svettano su Marino

24 settembre 2010 - 6:59

Con i 30 minuti a disposizione di prove libere dell’Europeo Superstock 600 scatta ufficialmente il weekend di Imola della Superbike. Un turno di attività su asfalto asciutto all’Autodromo Enzo e Dino Ferrari, potenziale teatro della vittoria del campionato da parte di Jeremy Guarnoni tenendo conto dell’enorme vantaggio su Florian Marino, 43 punti con ancora 50 a disposizione. In questa sessione di prove, tuttavia, il pilota di Tolosa ci è andato cauto ottenendo soltanto il 7° tempo assoluto a oltre 2″ dalla vetta, preceduto proprio da Marino in terza posizione.

I protagonisti assoluti sono così gli italiani, due wild card in particolare: Fabio Massei, leader del CIV Superstock 600 con la Yamaha Piellemoto, e Giuliano Gregorini, anche lui dalla serie tricolore pur con una gara all’attivo quest’anno al Nurburgring dove stava ben figurando con la R6 del team Elle 2 Ciatti Racing. Massei è stato il pià veloce proprio nel finale in 1’58″207 vincendo il testa-a-testa con il suo connazionale per soli 4 decimi, rimasto fermo alla Rivazza nel corso dell’ultimo giro veloce.

Al quarto posto il sorprendente Glenn Irwin, giovanissimo (classe ’93) campione irlandese Supersport in carica, chiamato dal team Racedays Kawasaki per sostituire l’indisponibile Joshua Elliott: debutto a Imola e nella categoria, subito quarto tempo. Alle sue spalle troviamo Davide Fanelli con la Honda All Service System by QDP davanti al talentuoso pilota campano Riccardo Russo, di nuovo in pista come wild card su Yamaha Bike e Motor Racing dopo aver dominato nella R6 Cup a Misano.

Prestazione collettiva degli italiani da incorniciare: Daniele Aloisi, esordiente con il team Pit Lane Federzoni dopo aver stupito nella Coppia Italia, è 8° davanti al compagno di squadra Nicola Morrentino (10°), tredicesimo il 15enne Francesco Cocco (Yamaha Elle 2 Ciatti), più staccati con pochi giri all’attivo Federico D’Annunzio (15°), Dino Lombardi (19°) e Luca Salvadori (23°). Nel pomeriggio primo turno di qualifiche ufficiali con tempi logicamente destinati a scendere di parecchio.

Superstock 600 European Championship 2010
Imola, Classifica Prove Libere

01- Fabio Massei – Moto Club Piellemoto – Yamaha YZF R6 – 1’58.027
02- Giuliano Gregorini – Elle2 Promotion – Yamaha YZF R6 – + 0.468
03- Florian Marino – Ten Kate Race Junior – Honda CBR 600RR – + 0.875
04- Glenn Irwin – Racedays Kawasaki – Kawasaki ZX-6R – + 1.645
05- Davide Fanelli – All Service System by QDP – Honda CBR 600RR – + 1.647
06- Riccardo Russo – Bike e Motor Racing Team – Yamaha YZF R6 – + 2.101
07- Jeremy Guarnoni – MRS Racing – Yamaha YZF R6 – + 2.287
08- Daniele Aloisi – Pit Lane Federzoni Racing – Yamaha YZF R6 – + 2.304
09- Leandro Mercado – BWG Racing – Kawasaki ZX-6R – + 2.471
10- Nicola Morrentino – Pit Lane Federzoni Racing – Yamaha YZF R6 – + 2.961
11- Romain Lanusse – MRS Racing – Yamaha YZF R6 – + 3.107
12- Nelson Major – Team Trasimeno – Yamaha YZF R6 – + 3.183
13- Francesco Cocco – Elle2 Promotion – Yamaha YZF R6 – + 3.275
14- Stephane Egea – Team ASPI – Yamaha YZF R6 – + 3.458
15- Federico D’Annunzio – Martini Corse – Yamaha YZF R6 – + 3.543
16- Steven Le Coquen – Team ASPI – Yamaha YZF R6 – + 3.574
17- Nacho Calero – Orelac Racing – Yamaha YZF R6 – + 3.747
18- Tomas Krajci – TK Racing Slovakia – Yamaha YZF R6 – + 3.791
19- Dino Lombardi – Martini Corse – Yamaha YZF R6 – + 3.822
20- Tony Covena – Econocom – Yamaha YZF R6 – + 4.116
21- Gauthier Duwelz – MTM Racing Team – Yamaha YZF R6 – + 4.282
22- Fredrik Karlsen – MTM Racing Team – Yamaha YZF R6 – + 4.703
23- Luca Salvadori – Bike Service Racing Team – Yamaha YZF R6 – + 5.365
24- Mircea Vrajitoru – C.S.M. Bucharest – Yamaha YZF R6 – + 5.959

Servizio Fotografico: Diego De Col

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

locatelli supersport

Supersport: Andrea Locatelli, la cinquina storica da fuga iridata

Superbike

Superbike: Honda HRC al limite, ha già fatto fuori tre motori

Superbike, Jonathan Rea

Superbike, Jonathan Rea stuzzica Scott Redding “E’ stato facile dominare”