MotoGP, Maverick Vinales: “Serve una Yamaha più aggressiva”

Maverick Vinales lamenta una Yamaha M1 ancora poco aggressiva per il suo stile di guida: "E' come guidare su un binario"

24 aprile 2019 - 14:46

Maverick Vinales brilla nelle prove libere e nelle qualifiche, ma in gara calano le prestazioni. Jorge Lorenzo ha ammesso di accusare il  medesimo problema alla frizione nei primi tempi in Yamaha. Ad Austin è stata proprio la frizione a tradirlo anticipando la partenza e causandogli il penalty. In vista di Jerez sono previsti accorgimenti sulla posizione in moto per migliorare l’accelerazione e trovare più grip, così da poter trovare quel feeling con la M1 che sta caratterizzando la stagione di Valentino Rossi.

VINALES, UNA YAMAHA IN STILE HONDA

Nei test invernali il pilota di Roses sembrava avere un grandissimo potenziale confermato nelle qualifiche. Pole a Losail, 2° posto in Argentina, seconda fila ad Austin. I tecnici di Iwata hanno seguito le sue indicazioni nello sviluppo invernale, Mack ha approvato a pieni voti la specifica del motore 2019. Gli aggiornamenti sembravano premiare il suo stile di guida molto aggressivo, pur rimpiangendo il freno motore della Suzuki che gli permetteva di usare maggiormente il freno posteriore. L’arrivo di Esteban Garcia ha dato nuovo entusiasmo a Vinales. In altre parole, non ci sono più alibi.

Lo spagnolo della Yamaha deve lavorare soprattutto sullo stile di guida, oltre che sulla partenza. “Per un giro veloce il mio stile è perfetto – ha detto in un’intervista a DAZN -, nelle curve posso volare. Il problema è cercare più grip, ho poco contatto con la gomma e scivolo di più. Devo cambiare, sto lavorando sodo“. A sua disposizione i dati di Valentino Rossi che nelle prime tre gare ha saputo fare decisamente meglio, ma fare confronti e recuperare dati utili non è facile. C’è urgenza di trovare il giusto set-up per non perdere troppo in uscita di curva. “Guidiamo in modo diverso, ho bisogno di una moto molto più aggressiva e rigida“. Magari un po’ più in stile Honda… “La Honda è più in stile Moto2, è aggressiva. Con la nostra – ha aggiunto Maverick Vinales – è come andare su un binario, si deve essere molto precisi. Alla fine ho dovuto esagerare la mia guida per trovare più grip, altrimenti nelle curve derapa molto“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Pol Espargarò: “Non servono le scuse KTM”

MotoGP, Davide Tardozzi: “Petrucci è la scelta giusta”

MotoGP 2022-2026: i 4 punti Dorna per il futuro