Jorge Lorenzo: “Il mondiale non è chiuso, ma sarà difficile vincere”

Conclude terzo e si ritrova a -44 da Marquez

25 agosto 2013 - 12:33

Una gara strepitosa, ma in questo momento non basta. Jorge Lorenzo all’Automotodrom di Brno per quasi tutta la distanza della contesa ha impensierito le Honda ufficiali di Marc Marquez e Dani Pedrosa, salvo vedersi costretto ad alzare bandiera bianca nel finale e portare a casa soltanto 16 punti, ritrovandosi ora a 44 lunghezze dalla leadership…

Ho dato il massimo, più di così non potevo“, ammette Jorge Lorenzo. “Penso di aver realizzato la mia miglior partenza in carriera, ho recuperato in pochi metri quattro posizioni e nei primi giri ero davvero molto veloce. Ho cercato di creare del margine tra me e le due Honda, ma giro dopo giro Marquez e Pedrosa hanno recuperato lo svantaggio.

Erano decisamente più veloci di me in fase di staccata e nei rettilinei, onestamente non potevo fare di più. Ho dato il massimo anche quando sono comparse le prime gocce di pioggia, in quel momento ero in testa e non potevo lasciarmi scappare quest’occasione. Alla fine Marc mi ha passato e, pochi giri più tardi, anche Dani: in quel momento non potevo più farci nulla, non c’era la possibilità di rispondere.

Fisicamente è stata una gara molto probante, ho tirato fuori tutto me stesso per ottenere questo podio. Con questo risultato adesso sarà difficile riconquistare il titolo: il mondiale non è chiuso, ma senza dubbio è in salita… ci mancherebbero solo qualche decimo per poter vincere“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

BSB Silverstone: Tarran Mackenzie in pole, Scott Redding 3°

Honda HRC in pista per preparare il National

Moto2, Tom Lüthi: “La stagione in MotoGP una ‘buona scuola’ “