MotoGP, Jorge Lorenzo: “Ducati al top grazie alla centralina unica”

Jorge Lorenzo risponde alle domande di alcuni fan sui social. L'ex Ducati parla di ECU e spiega: "In MotoGP il pilota fa ancora la differenza".

27 dicembre 2018 - 12:15

Il dream team Honda MotoGP dal prossimo anno può vantare una coppia di piloti che insieme sommano 12 titoli mondiali (otto in classe regina) e che hanno dominato il campionato nelle ultime sette stagioni. Fra quattro giorni Jorge Lorenzo sarà ufficialmente un pilota HRC e potrà rispondere liberamente ad ogni curiosità. Nell’attesa l’ex Ducati si intrattiene volentieri con i suoi fan su Twitter e risponde ad alcune domande.

Jorge non si aspetta una chiara superiorità Honda nella stagione 2019. Qualche giorno fa il giornalista americano Dennis Noyes ha sollevato un’interessante domanda: “La domanda per l’inverno… la firma di Jorge renderà Honda HRC intoccabile o sarà l’elemento chiave che aumenterà le opportunità di terze parti che non sono piloti Honda“. Il pilota delle Baleari risponde con un tweet: “Con la centralina unica non ci sono marchi intoccabili come ancora esistono in F1“, ed è convinto che, oggi e con le normative attuali, la MotoGP sia un campionato in cui è molto difficile superare tecnicamente i rivali: “Segnare la differenza a livello tecnico è più difficile, il pilota è ancora vitale, non solo per il suo stile di guida“.

Non si può però negare che la Ducati sia un passo avanti rispetto agli avversari, essendo riuscita ad arruolare i migliori ingegneri di scuola Magneti Marelli. La centralina unica è certamente uno dei segreti del successo della Rossa: “Sicuramente l’attuale Ducati senza la ECU non sarebbe così al top, questo è il mio parere“.

Scommetti con Johnnybet

Ricambi moto 4moto.it

Biglietteria per tutti gli eventi motoristici, F1 inclusa

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

MXGP: clamoroso Jeffrey Herlings già in moto!

MotoGP: Più aerodinamica per Rossi nel 2019

MXGP: Tony Cairoli e Lamborghini insieme in pista