MotoGP, Ezpeleta: “Marquez-Lorenzo dream team? Vedremo a fine anno”

Al boss della MotoGP non piace l'appellativo del team Honda HRC "Prima di essere da sogno deve cominciare a vincere"

1 febbraio 2019 - 14:32

Non chiamatelo ‘dream team’! Il termine non piace a Marc Marquez, né a Jorge Lorenzo, ma neppure al boss della Dorna Carmelo Ezpeleta. A darne la corretta definizione saranno i risultati in pista, tra l’altro entrambi i piloti factory partono con qualche acciacco fisico. Il campione è ritornato in sella alla moto solo pochi giorni fa, l’ex Ducati salterà il test di Sepang, in attesa di conoscere le sue condizioni in vista del secondo e ultimo test a Losail. Definito come il miglior team nella storia della HRC, ma Ezpeleta invita alla calma: “Il team Repsol Honda è sempre stato concorrenziale e dalle massime aspettative. Hanno gli ultimi campioni del mondo, difficilmente potrebbero avere una line-up migliore“.

“DREAM TEAM? PRIMA DEVE VINCERE”

L’appellativo di ‘dream team’ viene conferito al vincitore della Champions di calcio, delle Olimpiadi di basket, fino ad oggi Marquez e Lorenzo ancora non hanno gareggiato nessun Gran Premio insieme: “Niente è dream team prima di vincere“, ha aggiunto il CEO Dorna a Marca.com. Sarà certamente un binomio vincente per lo spettacolo della MotoGP, tutti i tifosi sono desiderosi di vedere i due fuoriclasse all’opera ad armi pari, ma Carmelo Ezpeleta non vuole sentire parlare neppure di scontri e tensioni fra i due, come avvenuto ad Aragon nella scorsa stagione: “Non posso parlare da tifoso perché non sono un tifoso, come tutti gli altri dovranno comportarsi secondo le regole“. Naturalmente si rammarica per le condizioni precarie di entrambi e che il 10 marzo in Qatar non saranno al 100%. “Nessuno vuole che si facciano male, ma la loro è una professione complessa che richiede anche un pizzico di fortuna. Questo è inevitabile“.

Scommetti con Johnnybet

Ricambi moto 4moto.it

Biglietteria per tutti gli eventi motoristici, F1 inclusa

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

MotoGP: Danilo Petrucci lavora sull’ergonomia, ma la sella ‘scotta’

Valentino Rossi e il segreto del ‘Risorgimento Yamaha’

MotoGP, Fabio Quartararo festeggia 20 anni come miglior rookie