Moto3 Qatar, Prove 2: Canet da record, 2° Fenati

Aron Canet realizza un gran tempo nella seconda sessione di prove libere. Seguono gli italiani Romano Fenati, Niccolò Antonelli ed Andrea Migno.

8 marzo 2019 - 17:02

Seconda sessione ben più rapida in termini di riferimenti cronometrici. Aron Canet svetta in questo ultimo turno di giornata, seguito da Romano Fenati, da Niccolò Antonelli e da Andrea Migno. Appuntamento a sabato con le FP3, che decideranno i 14 piloti direttamente in Q2 e chi invece dovrà disputare la Q1. Qui il nuovo formato di qualifiche.

Il sole è ormai calato e le temperature si sono abbassate rispetto alla prima sessione di prove libere. Ci si aspetta quindi di vedere tempi ancora migliori rispetto alle FP1. Si riparte dal 2:05.917 stampato da Romano Fenati, unico sotto il muro di 2:06 e molto vicino al record del tracciato. La conferma delle aspettative l’abbiamo dopo pochi minuti, con il record della pista in 2:05.862 che è già un ricordo per le zone alte della classifica provvisoria.

Nel corso del concitato finale di turno abbiamo anche un contatto alla curva 1 tra Marcos Ramírez e Ayumu Sasaki, fortunatamente senza conseguenze. Va peggio invece a Suzuki, scivolato proprio sul finale alla curva 16. Il miglior crono della sessione sarà un 2:04.561 di Aron Canet (unico sotto 2:05), seguito dai nostri Romano Fenati, Niccolò Antonelli ed Andrea Migno.

Quinta piazza e ottimo risultato (provvisorio) per il convalescente Gabriel Rodrigo, che ha preceduto Jakub Kornfeil, Lorenzo Dalla Porta e Tony Arbolino. Kazuki Masaki è nono davanti ad Albert Arenas ed a Kaito Toba, mentre Vicente Pérez, Can Öncü e Dennis Foggia completano la classifica dei 14 piloti che accederebbero direttamente alla Q2. Manca ancora un turno di libere per i piazzamenti definitivi, ma potrebbe essere più difficile migliorarsi nelle FP3.

La classifica

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

MotoGP, Oscar Haro: “Lorenzo bloccato dall’elettronica”

Moto3, Andrea Migno: “Podio importante, mancava da tempo”

MotoGP, Andrea Dovizioso: “Non sono sorpreso da Valentino”