Moto2: Nicolò Bulega si opera per sindrome compartimentale

Nicolò Bulega dovrà operarsi: il pilota soffre di sindrome compartimentale, il 'problema dei motociclisti', che non gli ha permesso di finire la gara in Argentina.

2 aprile 2019 - 11:49

Il fine settimana in Argentina di Nicolò Bulega si stava svolgendo in maniera positiva. Il rookie dello Sky Racing Team VR46 si era mostrato competitivo, in grado quindi di disputare anche una buona gara. Purtroppo invece non è andata così: l’italiano infatti si è visto costretto al ritiro anticipato per un problema fisico. Sembra che anche lui sia vittima del ‘problema dei motociclisti’, l’ormai famosa sindrome compartimentale.

“Un vero peccato non essere riuscito a finire la gara” ha dichiarato Nicolò Bulega, 11° prima del ritiro. “Sono stato competitivo per tutto il fine settimana e avrei potuto realizzare un bel Gran Premio. Mi è dispiaciuto molto, ma il dolore al braccio era diventato ingestibile. Farò gli accertamenti del caso e capiremo poi cosa fare.” L’unica soluzione, come fatto precedentemente da tutti i colleghi che hanno avuto lo stesso inconveniente, è operarsi.

Lo conferma infatti Davide Bulega, padre del pilota Moto2, che spiega il problema con un post su facebook. “Nicolò da poco soffre di sindrome compartimentale al braccio destro. Solo chi ha corso e solo chi l’ha avuta, tipo io, sa il dolore che si prova… Dopo alcuni giri si blocca completamente il braccio e perdi l’uso delle dita a tal punto da non riuscire neppure a sollevare un bicchiere. Ora si opera e poi…”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

MotoGP: Danilo Petrucci lavora sull’ergonomia, ma la sella ‘scotta’

Valentino Rossi e il segreto del ‘Risorgimento Yamaha’

MotoGP, Fabio Quartararo festeggia 20 anni come miglior rookie