MotoAmerica Clamoroso Toni Elias frega gli specialisti Usa

Rocambolesco successo dello spagnolo al debutto nella Superbike americana Approfitta della bandiera rossa e mette in riga il compagno Roger Hayden.

10 aprile 2016 - 6:02

Toni Elias l’ha fatto! Nessuno spagnolo aveva mai sbancato la Superbike Usa, lui ci è riuscito al primo colpo correndo con la Yoshimura Suzuki in sostituzione dell’infortunato Jake Lewis. L’ex pilota MotoGP e Superbike ha messo in riga il compagno Roger Lee Hayden scattato dalla pole e il campione in carica Josh Hayes pupillo Yamaha.

Qui il Video di gara1 con intervista a Toni Elias http://www.corsedimoto.com/video/video-motoamerica-austin-clip-gara1-e-lintervista-a-toni-elias/

L’apertura del campionato americano, in concomitanza con la MotoGP al Cota di Austin, è stata rocambolesca. La gara è stata fermata con bandiera rossa per la rottura in pieno rettlineo di Kyle Wyman proprio mentre Elias era alle prese con un grave problema al posteriore. “Non so cosa sia successo, forse un sensore, non riuscivo a controllare la GSX-R che scappava da tutte le parti” ha raccontato lo spagnolo.

La gara è ripartita da zero, sulla distanza di appena cinque giri. E nella sfida sprint Toni non ha dato scampo scrivendo il suo nome nella storia. L’altro ufficiale Yamaha, Cameron Baubier, è caduto senza danni. E’ stato meno fortunato il debutto americano di Claudio Corti fermato da  un problema tecnico all’Aprilia HSBK in configurazione Stock. Il pilota comasco era partito in 14° posizione.

Arrivo gara 1: 1. Toni Elias (Suzuki); 2. Roger Hayden (Suzuki); 3. Josh Hayes (Yamaha); 4. Jake Gagne (Yamaha); 5. Bobby Fong (Kawasaki); 6. Josh Herrin (Yamaha); 7. Josh Day (Yamaha); 8. Taylor Knapp (Yamaha); 9. Sheridan Morais (Yamaha); 10. Danny Eslick (Yamaha)

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Xavi Fores, Box 18

Box18 Live: Xavi Fores alle 18 ospite sulla nostra pagina Facebook

AMA Supercross

COVID-19? AMA Supercross e MotoAmerica ripartono

Circuito di Misano

Prove Libere a Misano: porte aperte ai piloti di altre regioni