Moto2: 36 sorpassi non bastano ad Andrea Iannone

Un solo errore che condiziona la corsa al primato

5 maggio 2011 - 2:19

Tre gare, 36 sorpassi ed un solo errore che condiziona la corsa al primato per Andrea Iannone nel mondiale Moto2. A Estoril la scivolata a quattro giri dalla bandiera a scacchi ha tolto al pilota abruzzese la possibilità di conquistare la seconda vittoria stagionale e, soprattutto, rafforzare la leadership di campionato. Dovendosi scontrare con gli ormai “canonici” problemi nelle prove ufficiali (16° in griglia a Losail, 11° a Jerez, 14° a Estoril), il portacolori del Speed Master Team ha dato vita alla solita esaltante rimonta che l’ha ben presto portato a ridosso dei primi.

Commenta

per primo!

Nettamente il più veloce in pista, Iannone ha passato Stefan Bradl assaporando il gusto della seconda vittoria consecutiva, poco prima di commettere un banale errore al tornantino “Gancho” che l’ha costretto alla resa e a passare dalla 1° alla 13° posizione finale.

Sono dispiaciuto per come si è conclusa la gara: stavamo andando bene, ma il fatto di partire da una posizione arretrata e dover poi rimontare non ci ha aiutati“, ha detto Andrea Iannone. “Questo è un circuito dove non è facile superare ed ero un po’ in difficoltà anche sul rettilineo: nonostante la moto fosse veloce, perdevo in accelerazione.

Se fossi partito più avanti, con il ritmo che avevo, sarebbe stato possibile guidare con più tranquillità e sfruttare meno le gomme. Spero vivamente che dalla prossima gara le qualifiche vadano meglio, per poter partire da una posizione migliore. Ora dobbiamo aspettare la prossima gara e dare il massimo. Bradl ha preso un po’ di vantaggio in classifica, ma siamo ancora all’inizio del campionato. Peccato per questa gara, ma sono contento perché abbiamo dimostrato il nostro potenziale, ora dobbiamo solo sfruttarlo al massimo“.

Con il risultato di Estoril adesso Andrea Iannone è secondo in campionato a 13 punti dal leader Stefan Bradl, ma con la speranza di recuperare già a partire dal prossimo evento in calendario il 15 maggio a Le Mans.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Supersport: Federico Caricasulo all’assalto del Mondiale

Superbike, Australia: Gli orari TV del primo round del 2019

Marc Marquez, il recupero continua in kart