Supersport 300: Primi test positivi per Kawasaki GP Project

Kawasaki GP Project conclude due giorni di test ad Almería. Team quasi al completo con Pelikánová, Ieraci e Alonso, più Luna al posto dell'infortunato Giacomini.

13 marzo 2019 - 20:07

Conclusa in questi giorni una prima sessione di test ad Almería per Kawasaki GP Project, pronto ad affrontare il 2019 nel Mondiale Supersport 300 con una line-up completamente rinnovata. Team quasi al completo: Alexandra Pelikánová, Bruno Ieraci e Tomás Alonso gli ufficiali in pista, affiancati in questa occasione da Marc Luna Bayen, sostituto dell’infortunato Paolo Giacomini.

Una prima presa di contatto importante con le Kawasaki Ninja 400, con i piloti tornati in azione dopo la lunga pausa invernale. Sarà una stagione impegnativa soprattutto per i tre ufficiali presenti: Pelikánová e Alonso si lasciano alle spalle un’annata con un altro costruttore. Sarà una bella sfida invece per Ieraci, in arrivo dal Mondiale Junior Moto3 e quindi alla scoperta di una nuova categoria. Due giorni di test utili per questi ragazzi, che assieme alla squadra iniziano a prepararsi a questa nuova stagione, al via ad inizio aprile ad Aragón.

“Chiudiamo una due giorni positiva” ha dichiarato Alessio Altai, Team Manager di Kawasaki GP Project. “Il test è servito soprattutto come discorso di affiatamento tra piloti e squadra, ma anche per permettere ai ragazzi di provare per la prima volta la Kawasaki. Abbiamo avuto la possibilità di confrontarci con i migliori piloti della stagione appena conclusa.” Da segnalare un doppio incidente per Pelikánová nella prima giornata di test: “Al mattino è scivolata, riportando qualche danno alla moto. Nel pomeriggio un contatto con un altro pilota ha provocato una nuova caduta e lei ha battuto la testa. Ha poi girato anche nel secondo giorno, ma chiaramente non era al meglio.”

Come detto, team quasi al completo: l’infortunio di Paolo Giacomini ha costretto la squadra a schierare un sostituto, Marc Luna Bayen. “Si è trovato bene con il team e la moto” ha aggiunto Altai. “Ci ha aiutato molto nel lavoro di sviluppo, visto che è l’unico ad avere esperienza in sella alla Ninja 400.” Per quanto riguarda le new entry, “Bruno Ieraci si è adattato subito, si diverte e la moto gli piace. Tomás Alonso ci ha sorpreso positivamente, è cresciuto molto rispetto all’anno scorso e anche lui si è trovato bene. Peccato appunto per Alexandra, ma con lei recupereremo con la wild card che faremo a Misano nel Campionato Italiano Velocità.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Alvaro Bautista: “Imola è stato un campanello d’allarme”

Futuro Superbike: Dorna vs FIM, sta scoppiando la guerra?

Jonathan Rea: “Ora ho fiducia, ma Alvaro Bautista ha alzato il livello”