Superbike: oggi il via dell’appuntamento di Kyalami

22 piloti, tracciato rivisto, duello in classifica

14 maggio 2010 - 3:19

A cinque giorni da Monza la Superbike si ritrova sul circuito di Kyalami per il sesto round, primo di due tappe extra-europee con l’evento di Miller negli States il prossimo lunedì 31 maggio. Tornando alla più stretta attualità, in Sud Africa saranno 22 i piloti al via: assenti i team DFX Corse e S.C.I. Honda, si può contare sulla partecipazione di Sheridan Morais come wild card grazie all’accordo tra il team EmTek e Aprilia, che metterà a disposizione una RSV4 del Test Team con l’apporto di alcuni sponsor (e appassionati) locali.

Una presenza interessante in un campionato che a Kyalami può davvero prendere una via decisiva per la classifica. Leon Haslam, leggermente infortunato al polso per via di un violento highside (senza caduta) a Monza, comanda con 3 punti di vantaggio su Max Biaggi che ha doverosamente messo le mani avanti: il tracciato sud africano non è favorevole alla sua Aprilia. In poche parole, il layout e le “buche” presenti dovrebbero disturbare l’equilibrio della RSV4 Factory come già accaduto a Phillip Island, dove i saltellamenti e le vibrazioni all’anteriore sono all’ordine del giorno.

In ogni caso a Kyalami hanno promesso di lavorare per il prossimo futuro (se mai si andrà ancora in Sud Africa…), con i primi lavori già iniziati per ammodernare l’impianto. Per rispondere agli standard FIM sono state ampliate le vie di fuga tra le curve 2 e 3, con una corsa di box rivista che non dovrebbe creare alcun problema di incrocio di traiettorie con i piloti ad alta velocità in rettilineo.

Lo verificheremo oggi a partire dalle 12:45 con la prima sessione di prove libere, con le qualifiche ufficiali alle 15:00 sempre insieme al Mondiale Supersport e, per l’occasione, con i campionati nazionali sudafricani.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

BSB Brands Hatch Gara 2: Josh Brookes bis, Ducati tris

MotoGP: Edema osseo al ginocchio per Aleix Espargaró

MotoGP, Marc Márquez: “Non mi piace vincere così”