CIV Monza: Il riassunto delle gare domenicali

le gare disputate hanno portato a sorprese e conferme

4 maggio 2010 - 6:59

La pioggia non si vede spesso sul circuito di Monza, nel maggio motoristico del tracciato brianzolo. Quando decide di farsi vedere non rende facile il compito dei piloti, su una pista che è notoriamente concepita per condizioni di asciutto. Se, come successo domenica scorsa, decide oltre tutto di cadere ad intermittenza, ecco che può succedere di tutto. Anche per questo motivo il secondo round stagionale del Campionato Italiano Velocità ha regalato diversi colpi di scena e cambi di classifica, nel week-end dell’ utilizzo della Prima Variante in versione modificata, addolcita per evitare i “maxi-tamponamenti” di inizio corsa.

CIV Superbike: Alex Polita vince su Danilo Petrucci ed è nuovo leader della classifica

La gara della classe regina ha visto il successo nel finale dello jesino Alex Polita, il quale ha avuto la meglio su uno scatenato Danilo Petrucci, quest’ultimo in sella alla ZX-10R Pedercini. L’aumento della pioggia durante il sesto giro compiuto dai leader ha portato la direzione gara a sospendere la manche, decidendo per la ripartenza con i distacchi accumulati al termine della quarta tornata. Al secondo start a sorpresa è Luca Conforti, compagno di squadra di Polita nel team Ducati Barni Racing, a prendere la testa della corsa, che nel prosieguo deve cedere la leadership proprio al “Pirata” e a Petrucci. Sono loro a contendersi la vittoria fino alla fine, con il marchigiano che, nelle tornate finali, riesce ad accumulare quel vantaggio necessario sul pilota che gli ha permesso di vincere la classifica aggregata.  Male Federico Sandi, fuori gioco con la RSV4 Gabrielli Michelin al giro numero 11, mentre il vincitore di Vallelunga Stefano Cruciani completa il podio. Polita grazie a questo successo balza in testa alla classifica piloti, seguito proprio dal compagno di squadra numero 12 a sole quattro lunghezze e da Petrucci a quindici.

Clicca qui per l’articolo di gara

CIV 125GP: Tommaso Gabrielli vince con merito  una gara condizionata dalla pioggia

La manche della ottavo di litro sul circuito di Monza ha riservato diverse sorprese, tutte concentrate tra il settimo e l’ottavo giro: quando cioè quasi tutta la testa della corsa è uscita di scena, presa in contropiede dal repentino peggioramento meteorologico. L’unico dei primi a rimanere in piedi è stato il pilota Gabrielli Racing Team Tommaso Gabrielli che, grazie ad un ottimo recupero, era riuscito a riaccodarsi al gruppo dei primi proprio prima della caduta sincronizzata di questi. Completano il podio Francesco Mauriello, pilota Matteoni Racing, e Andrea Giordi del team VFT Racing. Grazie a questo importante risultato, il più giovane dei fratelli Gabrielli risale fino alla seconda posizione in classifica, distanziato di otto lunghezze rispetto al leader Alessandro Tonucci.

Clicca qui per l’articolo di gara

CIV 600 Supersport: Gianluca Vizziello ha la meglio su Cristiano Migliorati, ma che battaglia!

Nonostante il controverso forfait della wild-card nonché autore della pole position Fabien Foret, pilota del team Kawasaki Lorenzini by Leoni, motivata dalle non perfette condizioni del tracciato, che hanno portato il centauro di Angoulême ad optare “no-show”, la gara della categoria 600 Supersport ha visto una lotta più che serrata tra Gianluca Vizziello e Cristiano Migliorati, con quest’ultimo che si è arreso soltanto all’ultima curva al pilota di Policoro del team alla Honda Velmotor 2000. Il velocissimo 41enne della squadra Kawasaki Puccetti Racing ha dato il meglio di sé sul tracciato brianzolo, ottenendo un risultato importante che lo porta al secondo posto in classifica proprio alle spalle di Vizziello, a sole tre lunghezze di distanza. Da registrare la domenica negativa del romano Ilario Dionisi, vincitore della gara di esordio a Vallelunga, che ha ottenuto un modesto dodicesimo posto in sella alla Honda Scuderia Improve.

Clicca qui per l’articolo di gara

CIV Stock 600: Fabio Massei ottiene il successo dopo in una manche imprevedibile

Il premio per la gara dal pronostico più incerto va sicuramente a quella della Stock 600, vinta da Fabio Massei . Il giovane pilota romano ha compiuto una corsa d’attesa, viaggiando assieme al gruppetto degli inseguitori del leader Dino Lombardi, salvo poi mettere in campo tutto  il suo talento nel corso dell’ultimo giro, quando il campione in carica Andrea Boscoscuro, autore di una grande rimonta in sella alla YZF-R6 RCGM 2B, è passato in testa alla corsa. L’ultima tornata è stata una questione riservata tra i due giovani piloti, con Massei che è riuscito ad avere la meglio sul centauro vicentino. Resta quindi leader della classifica, a punteggio pieno, il pilota Yamaha Piellemoto, che precede Dino Lombardi della squadra Martini Corse di ben 18 punti e addirittura di 29 nei confronti del terzo, il pilota Gomme & Service Roberto Farinelli.

Clicca qui per l’articolo di gara

CIV Stock 1000: Badovini vince senza fatica una gara già sua

Se anche avesse nevicato, probabilmente avrebbe vinto lo stesso. Ayrton Badovini è risultato il naturale vincitore della gara Stock 1000, dopo un week-end letteralmente dominato dal pilota BMW Motorrad Italia. Il centauro biellese ha preso la leadership della corsa al giro numero numero 4, grazie ad una staccata alla prima variante che gli ha permesso di passare dalla quarta alla prima posizione in un colpo solo. L’attuale leader a punteggio pieno della FIM Superstock 1000 Cup ha poi controllato la corsa senza forzare troppo il ritmo, precedendo sul traguardo Ivan Goi il leader del campionato Ivan Goi con la Honda TRD Racing Cavazzin e Luca Verdini, pilota Honda Emmebi.

Clicca qui per l’articolo di gara

Valerio Piccini

Foto: Diego De Col

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Red Bull Rookies Cup 2020

Red Bull Rookies Cup, a Spielberg il primo round del 2020

ducati motogp

MotoGP: Ducati Team alla riscossa sul “suo” Red Bull Ring?

MotoGP, Andrea Dovizioso

MotoGP, Andrea Dovizioso senza alibi: “A Brno grandi aspettative”