CIV Mugello: concluso il secondo turno di qualifiche ufficiali

23 giugno 2012 - 8:38

Continua la marcia di avvicinamento alla prima di due gare per questo doppio round del Mugello targato CIV. Sulla pista toscana, in presenza di condizioni ancora una volta ideali, questa mattina i piloti del campionato tricolore si sono dati battaglia per una griglia di partenza più importante che mai. Hanno ottenutola pole position Riccardo Russo (Team Italia FMI- Yamaha Trasimeno) nella Stock 600, Alessio Velini (BMW 2R Antonellini by Bargy) nella Stock 1000, Ivan Clementi (BMW Asia Competition) nella Superbike, Riccardo Moretti (Mahindra Racing) nella 125GP/Moto3 e Ilario Dionisi (Honda Scuderia Improve) nella Supersport/Moto2. Proprio Parlando di Moto3 e Moto2, i più veloci delle rispettive categorie sono stati Stefano Valtulini (Honda Imperiali Racing), terzo, e Alessandro Andreozzi (FTR Andreozzi Reparto Corse), settimo. Superstock 600: pole per Riccardo Russo, secondo Morbidelli Bella battaglia in pista per la pole position della Stock600, conquistata dall’alfiere del Team Italia FMI Riccardo Russo, leader attuale di categoria sia per quanto riguarda l’italiano che l’europeo. Il pilota di Aversa ha fermato i cronometri sul tempo di 1’55.815, precedendo di 174 millesimi di secondo Franco Morbidelli, decisamente a suo agio in sella alla YZF-R6 del Bike Service Racing Team. Terzo posto per il pilota più veloce di ieri, ovvero Davide Stirpe (Honda Monaco Racing Team) che paga il fatto di non essersi migliorato molto rispetto a ieri (solo 382 millesimi) ma riesce comunque ad ottenere la prima fila così come Luca Salvadori (Team PATA by Martini Yamaha), quarto. Quinto posto per Nicola Morrentino (Yamaha Elle2 Ciatti), a precedere Federico Monti (Suzuki Boselli Races), Stefano Casalotti (Yamaha Team Riviera), Luca Vitali (Team Italia FMI – Yamaha Trasimeno), Luca Oppedisano (Kawasaki Puccetti Racing), Francesco Cocco (Team PATA by Martini Yamaha) e Marco Ravaioli. Superstock 1000: Velini di un soffio su Muzio, risale Goi ed è terzo

Lotta sul filo dei millesimi per aggiudicarsi la prima posizione in griglia per le due gare Stock 1000 di questo doppio round all’Autodromo Nazionale del Mugello, vinta da Alessio Velini (BMW 2R Antonellini by Bargy) con un risicatissimo margine di 5 millesimi di secondo su Marco Muzio (BMW DMR Racing Team). I distacchi sono molto contenuti, con i primi 9 racchiusi in un secondo e con il terzo classificato Ivan Goi (Team Barni Ducati) a soli 136 millesimi. Non lontano anche Michele Magnoni con la S 1000 RR di preparazione Feel Racing, quarto a precedere Federico Dittadi (Aprilia Team Riviera), Alessio Corradi (Aprilia Nuova M2), Norino Brignola (Suzuki Falaschi Racing), che lo ricordiamo prenderà parte al prossimo round World Superbike del MotorLand Aragón con il Team Grillini Progea BMW, Enrico Pasini (BMW Bike Service Racing Team) e Lorenzo Alfonsi (BMW Velmotor). Superbike: pole per un imprendibile Ivan Clementi davanti a Conforti e Baiocco Come nelle qualifiche di ieri, il protagonista assoluto questa mattina è stato Ivan Clementi (BMW Asia Competition) il quale, non contento del già gran tempo di ieri ha abbassato notevolmente il proprio miglior riferimento cronometrico facendo segnare un importante 1’51.158, che gli consegna la pole position per le due gare in programma questo pomeriggio e domani. Il pilota marchigiano è risultato irraggiungibile anche da un Luca Conforti (Ducati Team Barni) in ottima forma, secondo a 670 millesimi davanti al compagno di squadra e capo classifica Matteo Baiocco. Quarto posto con praticamente due secondi di distacco per Federico Sandi, intento ad adattarsi alla 1198 del team Althea Racing by Echo lasciata libera questo fine settimana dall’infortunato Fabrizio Lai. Quinto è Lorenzo Mauri (Ducati M.Motocorsa) seguito da Luca Pedersoli (Ducati Batter Pedersoli Motorsport), Giovanni Baggi (Aprilia Nuova M2), Remo Castellarin, Davide Caselli e Gianluca Nannelli (Ducati Grandi Corse). 125 GP/Moto3: gran pole per Riccardo Moretti, Valtulini in Moto3 Si tratta soltanto di 120 millesimi ma il colpo d’occhio è notevole: Riccardo Moretti (Mahindra Racing) scende sotto il muro dei 2 minuti e conquista la pole position per questo doppio round del Mugello. L’ex-campione di categoria ha infatti fatto segnare un crono di 1’59.970 che non ha dato speranze agli avversari, a cominciare dal secondo classificato Lorenzo Dalla Porta (O.R. by 2B Corse-Zack M.), fermo a 742 millesimi e nonostante tutto l’unico a riuscire a star dietro al pilota ravennate. Terza posizione per la prima delle Moto3, ovvero la Honda NSF250R di Stefano Valtulini (Imperiali Racing Team), per il quale vale il tempo fatto segnare ieri (nonostante il secondo e mezzo di distacco dalla pole), risale bene invece Andrea Mantovani (Aprilia Manto Racing – 125 GP) che conquista la quarta piazza. Apre la seconda fila Kevin Calia (Honda Elle2 Ciatti) che verrà affiancato dal duo Honda San Carlo Junior Moto3 composto da Matteo Ferrari e Michael Coletti e dal secondo pilota Imperiali Racing Agostino Santoro. Supersport/Moto2: Dionisi e Andreozzi in pole Ilario Dionisi (Honda Scuderia Improve), campione in carica ed attuale capo classifica della Supersport targata CIV, partirà dalla prima casella dello schieramento nelle due gare in programma per questo doppio round al Mugello, la prima di queste che avrà luogo questo pomeriggio. Il pilota romano è riuscito soltanto nel finale, grazie ad un 1’54.193 a scalzare la wild-card Yakhnich Motorsport Massimo Roccoli dal vertice della classifica, facendo segnare intermedi davvero notevoli salvo poi perdere molto nell’ultimo settore. I 117 millesimi conservati al traguardo gli hanno comunque garantito la pole position, ma la battaglia per il successo nelle due gare di categoria è serrata. Dietro a Roccoli infatti si piazza un terzetto di piloti molto agguerriti, a cominciare da Roberto Tamburini (Honda Lorini) che, nella foga di migliorare il già buon terzo posto, è incappato in una scivolata poco prima della bandiera a scacchi, Dino Lombardi (Team PATA by Martini Yamaha) e la wild-card ungherese Gabor Talmacsi (Honda Prorace Squadra Corse). Giuliano Gregorini (Yamaha Team Rosso e Nero), sesto, precede invece il primo dei piloti Moto2, ovvero il campione in carica della categoria Alessandro Andreozzi (FTR Andreozzi Reparto Corse), a precedere Stefano Cruciani (Kawasaki Puccetti Racing), Raffaele De Rosa (Honda Lorini), Gabriele Cottini (Honda Scuderia Improve) e Mirko Giansanti, secondo centauro del Team Puccetti. Valerio Piccini

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Superbike: L’arrivo di Ten Kate farà saltare il banco in Yamaha?

Eugene Laverty: “Bitubo è il nostro asso nella manica”

MotoGP: Danilo Petrucci lavora sull’ergonomia, ma la sella ‘scotta’