BSB: Crescent resta con Suzuki e lavora già al 2011

Resta da decidere se la formazione a 1 o 2 piloti

15 dicembre 2010 - 3:58

Da oltre 10 anni legata a Suzuki, il team Crescent non poteva certamente lasciare la casa di Hamamatsu nonostante la decisione di supportare ufficialmente soltanto il TAS Racing per il British Superbike 2011. L’esperienza con le GSX-R ed il rapporto con Suzuki resta solido e mai messo in discussione in queste settimane, come ha avuto modo di confermare a BikeSport News Jack Valentine, team manager Worx Crescent Suzuki.

Per noi è stata un pò una sorpresa la scelta di Suzuki GB di affidarsi al team TAS, ma non abbiamo cambiato il nostro rapporto con la casa madre“, spiega il pluridecorato team manager. “Regolarmente siamo in contatto con il Giappone e non abbiamo certo intenzione di cambiare.

Di recente ho ricevuto una loro mail che ci assicurano la disponibilità di un aiuto per ricevere alcune parti 2011 che non avevamo ancora ordinato, questo è abbastanza indicativo, dimostra che il nostro modo di lavorare con il reparto corse Suzuki in Giappone non è cambiato“.

Adesso per Crescent Suzuki resta da confermare i programmi 2011: 1 o 2 piloti in pista? Ci sarà un seguito alle voci che vogliono John Hopkins in squadra?

La nostra squadra resta molto forte e competitiva: anche se in questo momento siamo orientati per schierare un solo pilota, non è detto che non riusciamo a portarne in pista 2. Tutto dipenderà dal budget e dalle varie proposte che stiamo valutando in queste settimane“, ha concluso Valentine a BSN.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Valentino Rossi: “Servono cinque Michele Gadda”

MotoE, Test Valencia: Giorno 1, Hector Garzó il più rapido

Alex Márquez vincitore sfortunato: porte chiuse in MotoGP?