Troy Bayliss

ASBK: iniziati i Test a Phillip Island, Troy Bayliss 2°

Secondo tempo per Troy Bayliss nella prima giornata di Test ufficiali dell'ASBK Australian Superbike a Phillip Island, ma il tri-Campione del Mondo gira con la Panigale bicilindrica...

2 febbraio 2019 - 11:03

Aspettando l’esordio stagionale, i protagonisti dell’ASBK si sono ritrovati a Phillip Island per una due-giorni di Test ufficiali con l’attesa partecipazione di Troy Bayliss. Nell’inaugurale giornata di prove il tri-Campione del Mondo ha spiccato il secondo riferimento cronometrico del Day 1, ma con la Ducati Panigale 1299 Panigale Final Edition bicilindrica…

TROY BAYLISS COMINCIA BENE

Sul tracciato dove tornò alle gare nel 2015 (World Superbike) e lo scorso anno (Australian Superbike) vincendo nel round extra-campionato in concomitanza con la MotoGP, Troy Bayliss ha iniziato con il piglio giusto. Reduce da diversi giorni di Test a Morgan Park, Baylisstic ha siglato il secondo tempo preceduto dal solo Maxwell, ma con diversi aspetti da rimarcare. In primis la competitività del leggendario pilota australiano: leader in due delle quattro sessioni effettuate, in 1’33″011 preceduto soltanto di 1/10 dal Campione ASBK 2013 (1’32″913). Un crono di tutto rispetto per il 49enne nativo di Taree, ottenuto in sella alla Ducati 1299 Panigale Final Edition bicilindrica, accantonando (per il momento) la nuova Panigale V4 R. Con ogni probabilità Bayliss il 21-24 febbraio prossimi a Phillip Island correrà proprio con la bicilindrica, posticipando con il team DesmoSport Ducati il debutto della nuova V4 a data da destinarsi.

TROY BAYLISS #32

Altra chicca da sottolineare, Troy Bayliss è sceso in pista con il numero 32, lo stesso che lo accompagnò nella trionfale stagione 1999 vissuta nel BSB. Una scelta… obbligata per il mito Ducatista. Il “suo” 21 è infatti detenuto da Josh Waters, il quale ha fatto valere la prelazione a proprio favore dopo aver corso nel 2018 con l’1 da Campione in carica.

WAYNE MAXWELL AL TOP

Troy Bayliss a parte, la notizia di giornata è la competitività di Wayne Maxwell. Tornato in Suzuki dopo un quadriennio vissuto in Yamaha, l’originario dello stato di Victoria è stato il più veloce, seppur non al meglio per la recente frattura alla clavicola. Il Campione ASBK 2013 ha preceduto Bayliss e Bryan Staring, positivo terzo con la Ninja ZX-10RR di Kawasaki BCperformance. A seguire Josh Waters (Suzuki Australia), il privatissimo dai trascorsi nel Mondiale Supersport Aiden Wagner (Yamaha), sesto tempo per il Campione in carica Troy Herfoss (Penrite Honda). Le due R1 di Yamaha Motor Australia condotte da Daniel Falzon e Cru Halliday archiviano il Day 1 rispettivamente al settimo e ottavo posto, meglio rispetto a Glenn Allerton (Next Gen BMW) ed il rookie Mark Chiodo (Penrite Honda).

DOMANI IL DAY 2

Aspettando la seconda e conclusiva giornata di test in programma domani, da segnalare la presenza di Mike Jones (11°) e di Arthur Sissis, ex pilota ufficiale KTM e Mahindra Moto3, quattordicesimo nella graduatoria dei tempi.

ASBK Australian Superbike Championship 2019
Test Phillip Island
Classifica 1° Giorno (Top 10)

01- Wayne Maxwell – Team Suzuki ECSTAR Australia – Suzuki GSX-R 1000 – 1’32.913
02- Troy Bayliss – DesmoSport Ducati – Ducati 1299 Panigale FE – 1’33.011
03- Bryan Staring – Kawasaki BCperformance – Kawasaki ZX-10RR – 1’33.181
04- Josh Waters – Team Suzuki ECSTAR Australia – Suzuki GSX-R 1000 – 1’33.334
05- Aiden Wagner – Caboolture Yamaha – Yamaha YZF R1 – 1’33.452
06- Troy Herfoss – Penrite Honda Racing – Honda CBR 1000RR – 1’33.500
07- Daniel Falzon – Yamaha Racing Team – Yamaha YZF R1 – 1’33.541
08- Cru Halliday – Yamaha Racing Team – Yamaha YZF R1 – 1’33.565
09- Glenn Allerton – Next Gen Motorsports – BMW S1000RR – 1’33.614
10- Mark Chiodo – Penrite Honda Racing – Honda CBR 1000RR – 1’33.934

Foto DesmoSport Ducati

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Kevin Manfredi

CIV Supersport: Kevin Manfredi assolto, ma non conterà

Federico Sandi

Federico Sandi correrà nella ASB1000 a Sepang con Ducati

Nozane

All Japan Superbike Okayama: Nozane e Yamaha fanno festa