Il Weekend del 18 ottobre: Motomondiale, campionati nazionali

Il Weekend del 18 ottobre: Motomondiale, campionati nazionali

Riepilogo delle gare disputate lo scorso fine settimana

Commenta per primo!

Il Motomondiale è stato il “main event” del weekend del 18 ottobre. A Phillip Island nella classe MotoGP Casey Stoner è tornato alla vittoria, ma soprattutto Valentino Rossi con il secondo posto ha praticamente “ipotecato” il campionato, ritrovandosi con due gare ancora da disputare con ben 38 punti di vantaggio su Jorge Lorenzo. Il pilota spagnolo è uscito di scena al via per un contatto con Nicky Hayden: impossibilitato a ripartire ha di fatto abbandonato i sogni di un difficile riaggancio in classifica. Sul podio ha invece concluso Dani Pedrosa, che ha perso la terza posizione in campionato a favore di Stoner, seguito da un ottimo Alex De Angelis che si sta confermando su alti livelli con la Honda del team Gresini. Poca fortuna per Andrea Dovizioso, sesto alle spalle di Colin Edwards, più indietro Marco Melandri e Loris Capirossi, solo 13° e costretto a partire dal fondo dello schieramento per l’utilizzo di un nuovo propulsore. Marco Simoncelli comanda nella 250cc in Australia Nella 250cc Marco Simoncelli vince per la seconda volta consecutivamente e riapre il campionato, anche e soprattutto per le disavventure dei suoi avversari. Hiroshi Aoyama è stato autore di un weekend decisamente negativo, solo settimo sul traguardo, mentre Alvaro Bautista quando stava per riagganciare il campione del mondo in carica è scivolato, chiudendo solo 10° e ora a 29 punti dalla prima posizione di campionato. Simoncelli ha ora solo 12 punti da recuperare, e potenzialmente è ancora in gioco Hector Barbera, secondo a Phillip Island davanti a Raffaele De Rosa (Honda del team Scot) per la prima volta sul podio dopo aver conquistato la prima pole position nella giornata del sabato. Caduto Roberto Locatelli, che ha costretto i commissari ad esporre la bandiera rossa. Julian Simon nuovo campione del mondo 125 Giochi conclusi nella 125cc: a Phillip Island Julian Simon vince ed è matematicamente campione, battendo sul traguardo il compagno di squadra Bradley Smith dopo una lotta emozionante. Per il pilota spagnolo del team Aspar è il primo titolo in carriera, mentre c’è da evidenziare la bella prova di Sandro Cortese, sul podio dopo una grande rimonta. Solo quinto Simone Corsi davanti a Nico Terol, altro pilota insieme a Smith in grado di rovinare la festa campionato di Simon, mentre Andrea Iannone ha terminato in ottava posizione. Fuori dalla zona punti Zanetti, Vitali e Marconi. Australian Superbike a Phillip Island Insieme al Motomondiale a Phillip Island ha corso anche l’Australian Superbike, con quattro gare in programma di cui soltanto due (la seconda e la quarta) valevoli per la classifica di campionato. Wayne Maxwell (Honda Motologic) è stato il grande dominatore, vincendo tre manche anche se guadagnando solo pochi punti rispetto al compagno di squadra e campione in carica Glenn Allerton, che ha ora 9 punti di vantaggio. Solo due invece le lunghezze di margine sul pilota Suzuki, il giovane Josh Waters, che ha beffato Maxwell nella volata per vincere Gara-4 per pochi millesimi. Prossima prova a novembre inoltrato sempre a Phillip Island. L'All Japan Superbike a Motegi Dall’Australia ci spostiamo in Giappone, dove si è disputata la penultima prova dell’All Japan Superbike. Nella top class, la JSB1000, clamoroso colpo di scena: Daisaku Sakai su Suzuki Yoshimura conquista la seconda vittoria stagionale consecutiva ed è il nuovo leader con 9 punti sul campione in carica Katsuyuki Nakasuga (Yamaha, secondo sul traguardo) e l’eterno Akira Yanagawa su Kawasaki. Non ci sono più piloti Honda in gioco, complice la squalifica per irregolarità tecnica al termine della corsa di Chojun Kameya, ex-leader di campionato con il team Sakurai. Nella corsa, interrotta dopo un paio di giri per olio presente in pista, non si è visto al via il grande favorito, Kousuke Akiyoshi, caduto nel Warm Up e costretto a dar forfait. Il titolo JSB1000 sarà assegnato nell’ultima prova 2009 a Suzuka. La FSBK ad Albi Chiudiamo con il FSBK, Campionato Francese Superbike, che sul circuito di Albi ha eletto in Sebastien Gimbert il campione 2009 con la Yamaha GMT94. Lo specialista dell’Endurance ha avuto vita facile complice l’abbandono nel Warm Up di Vincent Philippe, suo unico avversario per la classifica, infortunatosi in seguito ad una caduta. Via libera a Gimbert che ha conquistato Gara 2, mentre nella prima manche il trionfo è andato a sorpresa ad una Ducati (1198S e non 1098R) condotta da Thomas Metro. Per il Championnat de France Superbike l’appuntamento è adesso alla stagione 2010.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy