FantaSuperbike: Rea braccato, 6 Piloti e 3 Costruttori si giocano il Mondiale!

FantaSuperbike: Rea braccato, 6 Piloti e 3 Costruttori si giocano il Mondiale!

Il campionato si infiamma in vista delle due gare decisive: sei piloti e tre Costruttori si giocano l’iride. Bellissimo. Peccato che sia solo fantasia…

1 Commento
HOYERSWERDA, GERMANY - AUGUST 20: (L-R) Jonathan Rea of Great Britain and KAWASAKI RACING TEAM, Marco Melandri of Italy and ARUBA.IT RACING-DUCATI and Chaz Davies of Great Britain and ARUBA.IT RACING-DUCATI celebrate at the end of the Superbike race 2 during the FIM Superbike World Championship - Race 2 at Lausitzring on August 20, 2017 in Hoyerswerda, Germany. (Photo by Mirco Lazzari gp/Getty Images)

Preparatevi a vivere un finale di Mondiale Superbike rovente: a due round dalla fine (quattro gare fra Jerez e Losail, 100 punti in palio) la Ducati con Chaz Davies (576 punti) è tornata nella scia di Jonathan Rea (597). Ancora sei piloti sono in gioco per il titolo:  possono ancora farcela Tom Sykes (558), Marco Melandri (547) e i due Yamaha, Alex Lowes (535) e Michael van der Mark (526).

FANTA SBK – Niente, stiamo solo scherzando. Sapete benissimo che Jonathan Rea ha già festeggiato il terzo Mondiale, che la lotta per il titolo 2017 è sfumata nella culla e le ultime due tappe in Spagna e Qatar saranno prive di interesse ai fini della classifica. Ma non vi abbiamo proposto uno scenario impossibile, è quello che succederebbe se il Mondiale adottasse lo stesso,  identico sistema di punteggio del British Superbike.

COME FUNZIONA – La formula è semplice: nel BSB (12 round in totale) le prime nove tappe servono per definire i magnifici sei che si giocano il titolo nei tre round di spareggio. In ogni gara di qualificazione (“main season”) vengono assegnati, oltre al normale punteggio, aggiuntivi podium credits: 5 punti al primo, 3 al secondo e 1 al terzo. A fine della “main season” ai top six vengono assegnati 500 punti d’ufficio, più i podium credits. Nei tre round finali si riparte (quasi) da zero, per cui niente feste Mondiali in anticipo, nè gare finali prive di mordente.

COME SAREBBE SE….– Nel Mondiale i round sono 13 e mettiamo che la “main season” fosse stata di 10 tappe. Dopo Portimao la situazione di classifica sarebbe stata la seguente: 1. Rea punti 577 (compresi 77 podium credits); 2. Davies 545; 3. Sykes 533; 4. Melandri 516; 5. Alex Lowes 504; 6. Van Der Mark 503. Dal settimo (Fores) in poi nel BSB si giocano la “Rider’s Cup”, il trofeo di consolazione. Sempre meglio di niente. Magny Cours, Jerez e Losail sarebbero state tre finali da impazzire. Dall’esito imprevedibile: immaginate che duelli, che rivalità, che pathos. Un finale da tutto-o-niente, in puro stile Superbike.

EPILOGO – Per cambiare formula e punteggio servirebbe solo…la volontà. Senza polemiche, perché è chiaro che tenere in vita l’interesse fino all’ultimo giro interesserebbe a tutti: squadre, Costruttori, TV.  Non ci sarebbe più alcun dominatore, perché anno scorso nelle tre tappe conclusive (Magny Cours, Jerez e Losail)  Chaz Davies e la Ducati fecero il pieno e Jonathan Rea se la sarebbe sudata, altro che festa in anticipo. Non servirebbe cambiare regolamento tecnico, e non si spenderebbe neanche un euro dei milioni che serviranno per rifare da zero lo sviluppo motori 2018 per adeguarsi alla nuove regole tecniche Dorna.

Allora, se è così semplice fare in modo che ci sia spettacolo,  perché non lo fanno?

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. andreattfan - 3 settimane fa

    Ma no, è meglio intervenire sul limitatore di giri, fare calcoli e percentuali su eventuali gap cronometrici gara per gara, ecc. Poi non capiscono come mai in Inghilterra, la BSB fa il doppio degli spettatori della SBK… God save the race.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy