Tony Cairoli sulla Toro Rosso F1: “Grazie Red Bull, adrenalina incredibile”

Tony Cairoli sulla Toro Rosso F1: “Grazie Red Bull, adrenalina incredibile”

Tony Cairoli ha messo a segno 20 giri al volante di una monoposto Toro Rosso F1 al Red Bull Ring. Adrenalina, emozioni e difficoltà per la leggenda della MXGP.

di Luigi Ciamburro
Tony Cairoli Test F1

Meno di una settimana fa Tony Cairoli ha fatto visita a Milton Keynes per una prova con il simulatore del team Red Bull Racing, prendere le misure del sedile e familiarizzare con i comandi del volante. Oggi il nove volte iridato è sceso in pista dopo la pausa pranzo sul tracciato austriaco, per un inedito test al volante di una monoposto di Formula 1, un premio meritatosi dopo la conquista del suo ultimo titolo nella MXGP lo scorso settembre.

Una giornata emozionante e indimenticabile per la leggenda del Motocross che ha effettuato prima qualche giro di pista al volante di una Formula Renalut 3.5 per prendere confidenza con l’asfalto del Red Bull Ring, per poi salire su una vettura della Scuderia Toro Rosso. Tony Cairoli ha compiuto un totale di 20 giri supportato dai consigli dell’ex pilota Mark Alan Webber, che in mattinata ha dispensato informazioni utili a Dani Pedrosa e nella giornata di ieri a Marc Marquez. Il campione di Patti si è trovato subito a suo agio con le quattro ruote, memore dell’esperienza in varie edizioni del Monza Rally Show, del Memorial Bettega del Motor Show di Bologna e del Rallylegend.

Archiviata questa esperienza nel Circus, il pilota del team Red Bull KTM Factory Racing già questo weekend sarà di nuovo impegnato nella tappa francesese del mondiale MXGP, per poi gareggiare in Italia, a Ottobiano (PV) il 16 e 17 giugno, per l’MXGP di Lombardia davanti al pubblico di casa (qui i biglietti scontati). “Ringrazio Red Bull per questa opportunità fantastica”, ha detto Tony Cairoli a fine test. “Sono in pochi a poterlo fare ed io sono contento che ci sia stata la possibilità. Le cose che mi hanno impressionato maggiormente sono state: la grande tecnologia del mezzo, l’accelerazione, la potenza e la frenata senza limite. Ho provato un’adrenalina incredibile anche se credo di dover fare ancora bene l’occhio alla pista e a un modo di guidare totalmente diverso dal motocross e dal rally a cui sono abituato. La difficoltà maggiore per me”, ha concluso Tony, “è stato proprio passare dall’estrema sensazione di libertà che provo con la moto, alla poca mobilità dell’abitacolo in cui sei legato perché è estremamente importante essere stabili“.

MXGP LOMBARDIA Qui i biglietti scontati

Motomondiale 2018: le quote scommesse di JohnnyBet

Le basi della cura della nostra moto da cross

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy