Moto3: a Motegi assente Ana Carrasco, due wild card

Moto3: a Motegi assente Ana Carrasco, due wild card

Le novità del quindicesimo round del Mondiale Moto3

Commenta per primo!

Una assenza di rilievo e due wild card locali. Queste le principali novità nello schieramento di partenza del Mondiale Moto3 al Twin Ring Motegi, tracciato che non vedrà al via Ana Carrasco. Per problemi di budget, evidenziati ancor prima della pausa estiva, sincerati nel weekend di Misano (tanto da non prender parte all’inaugurale sessione di prove libere) trovando tuttavia l’accordo per correre anche ad Aragon, la giovane (e veloce) motociclista iberica sarà costretta a chiudere anzitempo la stagione 2014 saltando la ‘tripla’ extra-europea del calendario e, a meno di accordi dell’ultim’ora, anche a Valencia. Il team RW Racing GP, che nel frattempo ha annunciato il passato a Honda (ma con una sola NSF250RW affidata ad un pilota da annunciare che potrebbe non esser Scott Deroue) per la stagione 2015, ha deciso a Motegi di non schierare la KALEX-KTM originariamente destinata a “Lady Gas Gas”. La compagine olandese, da regolamento e accordi con gli organizzatori, sarà in ogni caso costretta a trovare un pilota per i prossimi tre round: nelle normative IRTA è previsto infatti soltanto un round di forfait per “cause di forza maggiori” (vale anche per un pilota a corto di budget?…). Per quanto concerne Ana Carrasco, conclusa l’esperienza non esaltante con RW Racing GP, la rivedremo in ogni caso al via del Mondiale 2015 con una terza KTM RC 250 GP del RBA Racing Team/Boe41 Motorsport accanto a Gabriel Rodrigo e Niklas Ajo. Sena Yamada Se mancherà all’appello Ana Carrasco, a Motegi saranno due le wild card locali. Con una Honda NSF250R #81 del team Liberto Plus One & Endurance correrà il Campione All Japan J-GP3 in carica Sena Yamada, già al via del Gran Premio di Motegi lo scorso anno con un positivo 10° crono nelle qualifiche e 23° in gara. Originario di Oyama (prefettura di Tochigi), 20 anni compiuti lo scorso 17 febbraio, Yamada proprio al Twin Ring aveva mosso i suoi primi ‘passi’ nel motociclismo aggiudicandosi il titolo regionale 125cc nel 2007, per poi passare al campionato nazionale All Japan 125 (oggi J-GP3) nel 2008: dopo un triennio di apprendistato Sena concluse 5° nel 2011, 3° nel 2012 per centrare la vittoria di campionato lo scorso anno. Da Campione in carica attuale capoclassifica ad un round dal termine (2° e 1° nelle due gare andate in scena proprio a Motegi), recentemente con la TSR3 di F.C.C. TSR Honda ha esordito nel CEV Moto3 al Circuito de Navarra in sostituzione di Kenta Fujii: un buon 17° prove, non altrettanto fortunato in gara (un errore ed il 34° posto al traguardo). Hikari Okubo Accanto a Sena Yamada, correrà da wild card un altro tra i migliori talenti espressi dal motociclismo del Sol Levante nell’ultimo periodo: Hikari Okubo, 21enne di Higashiyamato al via con una Honda NSF250R #83 del team Hot Racing with I-Factory caratterizzata da un’inedita livrea dedicata al Manga giapponese ‘Oh My Goddess‘. Al suo esordio nel Motomondiale, Okubo si è laureato Campione All Japan J-GP3 nel 2010 per poi conquistare la vittoria nella Asia Dream Cup 2012, monomarca formativo su base Honda CBR250R che ha ‘prodotto’ un altro talento come Hiroki Ono. Sempre con il team Hot Racing in questa stagione Okubo milita nell’All Japan J-GP3 ritrovandosi 6° in campionato con un 5° ed un 2° posto nelle due gare andate in scena al Twin Ring Motegi. La curiosa livrea Manga della Honda di OkuboAlessio Piana (Twitter: @AlessioPiana130)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy