MotoGP: Le ultime novità dalla Grand Prix Commission

MotoGP: Le ultime novità dalla Grand Prix Commission

Partenza con pista bagnata, sanzioni in gara, sostituzioni e wild card: ecco le ultime decisioni prese per il Campionato MotoGP dalla Grand Prix Commission.

di Diana Tamantini, @dianatamantini

Nella giornata di sabato 8 settembre a Misano si è svolta una nuova riunione della Grand Prix Commission, presieduta da Carmelo Ezpeleta (CEO Dorna), Paul Duparc (FIM), Herve Poncharal (IRTA) e Takanao Tsubouchi (MSMA), alla presenza anche di Carlos Ezpeleta (Dorna), Mike Trimby (IRTA, segretario dell’incontro) e Corrado Cecchinelli (Direttore della Tecnologia). Ecco le ultime decisioni prese nel corso del meeting.

C’è un primo aggiornamento per quanto riguarda la proceduta di partenza in caso di pista bagnata: sono state riscontrate potenziali difficoltà da parte delle squadre di riempire completamente i serbatoi. In queste circostanze quindi è stato deciso che la distanza di gara sarà ridotta di un giro. Si passa poi alla penalità che impone ad un pilota di cambiare posizione nel corso della competizione. Attualmente questa sanzione viene mostrata sul display del pilota in questione per cinque giri, ma in questo lasso di tempo ci posso essere ulteriori cambiamenti, quindi è stato deciso di mantenere la penalità sul display per tre giri.

Si passa poi ai sostituti per infortunio o cambi di pilota nel corso della stagione. E’ stato fatto notare che in MotoGP i team possono ‘manipolare’ il regolamento per cambiare moto all’interno dello stesso team o con altre squadre, aiutando così i piloti vicini ad andare oltre i limiti di motori consentiti nel corso di un campionato. Gli scenari possibili sono molti ed è stato deciso quindi di apporre una modifica: i sostituti non possono essere piloti in quel momento sotto contratto, a meno che non si sia l’approvazione della Grand Prix Commission.

Infine, un cambiamento per quanto riguarda la presenza di wild card nella categoria Moto2: nel corso della prossima stagione ci saranno novità di peso, specialmente il nuovo motore, una specifica che non esiste in nessun altro campionato. Nel corso del 2019 quindi non sarà ammessa alcuna wild card, una decisione che verrà poi rivista per la stagione 2020.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy