MotoGP: KTM in fermento per i test a Valencia ma Pedrosa arriva solo nel 2019

MotoGP: KTM in fermento per i test a Valencia ma Pedrosa arriva solo nel 2019

KTM in fermento per i test di Valencia e Jerez dove avrà a disposizione Zarco, Oliveira, Syahrin ed Espargarò. Dani Pedrosa esordirà come collaudatore nel test di Sepang

di Luigi Ciamburro
Mike Leitner

KTM non può ritenersi pienamente soddisfatta della stagione 2018 di MotoGP e la cattiva sorte ha giocato un ruolo non secondario. Pol Espargarò ha riportato due infortuni, il primo a Brno durante il warm-up che ha provocato la frattura della clavicola sinistra, costringendolo a saltare  i Gran Premi di Repubblica Ceca, Austria e Gran Bretagna. Il secondo nelle prove libere di Aragon che gli ha impedito di scendere in pista per la gara a causa della frattura dello stesso osso. In Australia e Malesia ha dovuto rimediare altri due zero punti, prima per una gomma che ha perso aderenza dopo pochi giri, poi per un guasto al motore.

Il miglior risultato stagionale è il 10° posto ad opera di Mika Kallio (a Jerez) e Bradley Smith (Sachsenring e Phillip Island), risultati che lasciano un po’ di amaro in bocca al team manager Mike Leitner. KTM paga i disguidi tipici di un team giovane,a Valencia ci sarà l’ultima possibilità per migliorare la top-9 dello scorso anno, ma è già tempo di guardare oltre. Al test di Valencia la casa austriaca non porterà grandi novità tecniche, ma dovrà raccogliere gli importantissimi feedback di Hafizh Syahrin, Miguel Oliveira e soprattutto Johann Zarco per mettere mano alla base della RC16. Per contare sul contributo di Dani Pedrosa si dovrà attendere il primo test del 2019 a Sepang agli inizi di febbraio, in quanto lo spagnolo della Honda vuole rispettare il contratto con HRC in scadenza il 31 dicembre. “Il test di Valencia segna l’inizio della seconda tappa del nostro progetto MotoGP“, afferma Pit Beirer, direttore Motorsport di KTM.

Per mesi i nuovi componenti del prototipo 2019 sono stati costantemente sviluppati e testati per non deludere le aspettative di Zarco. L’infortunio del collaudatore Mika Kallio ha rallentato i tempi di sviluppo del prototipo RC16, ma a Valencia e Jerez finalmente avranno a disposizione quattro piloti che potranno alternarsi gli aggiornamenti ed effettuare comparazioni. Le carenze in termini di sospensioni WP sono state azzerate dopo il test di Misano a settembre, ma il tempo stringe e sarà un inverno di duro lavoro nella fabbrica austriaca. Il primo obiettivo sarà trovare maggior velocità nella percorrenza di curva.

Scommetti con Johnnybet

Ricambi moto 4moto.it

Biglietteria per tutti gli eventi motoristici, F1 inclusa

 

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy