MotoGP, Dani Pedrosa: “Stoner più naturale, Marquez è un camaleonte”

MotoGP, Dani Pedrosa: “Stoner più naturale, Marquez è un camaleonte”

Dani Pedrosa mette a confronto due leggende della MotoGP: Marc Marquez e Casey Stoner. Il collaudatore KTM ha condiviso il box Honda con entrambi.

di Luigi Ciamburro
Dani Pedrosa

La sfida Casey Stoner contro Marc Marquez è mancata per un anno. Il campione australiano ha firmato le dimissioni dal campionato del mondo di MotoGP alla fine del 2012, lo spagnolo ha debuttato nella massima serie nel 2013. I due fuoriclasse si sono ritrovati solo all’interno del paddock, con Stoner nei panni di collaudatore Honda e Ducati, ma chi avrebbe vinto in un duello in pista resta materia per i grandi sognatori, tra questi anche Cal Crutchlow.

Dani Pedrosa è l’unico pilota ad aver condiviso il box con entrambi, conosce pregi e punti deboli dei due, ha consultato la loro telemetria, ha affidato la base della Honda RC213V prima a Stoner, poi a Marquez. Nessun pilota forse potrebbe mettere a confronto questi due campioni: “Casey è naturale e quindi molto speciale“, ha detto l’attuale collaudatore KTM. “È sempre rimasto nel suo territorio e non si è spostato dalla sua zona di conforto“. Marc è già al quinto titolo in Top Class ed è un pilota molto adattabile. “Marc si comporta più come un camaleonte“, spiega Pedrosa a Motorsport-Total.com. “Si adatta sempre alla situazione e agli avversari, entrambi piloti di vertice e tra i migliori!“. Marquez sa essere il più veloce su tutte le piste, anche su quelle meno favorevoli per natura alla Honda. Inoltre, lo spagnolo elogia le motivazioni del suo connazionale, mentre Stoner ha rinunciato alla sua professione all’età di 27 anni. Aldilà dei titoli iridati vinti, in un’ipotetica sfida a punti il Cabroncito si vedrebbe aggiudicare la grande sfida.

Scommetti con Johnnybet

Ricambi moto 4moto.it

Biglietteria per tutti gli eventi motoristici, F1 inclusa

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy