MotoGP: Aspar Team si presenta a Valencia

MotoGP: Aspar Team si presenta a Valencia

La squadra di Jorge Aspar Martinez si è presentata a Valencia con i suoi piloti della MotoGP, Moto3, CEV, ma non solo.

L’impegno del team di Jorge “Aspar” Martinez quest’anno non si concentra solo su MotoGP e Moto3: la collaborazione avviata con KSB Sport e la Liga Española de Motociclismo permette a circa un centinaio di giovani ragazzi di diventare piloti Aspar e verranno seguiti in tutti i passaggi della loro carriera, dalle Minimoto fino alla MotoGP. Il nuovo progetto è stato presentato ieri pomeriggio all’Auditorio Mar Rojo del Oceanogràfic, una parte della famosa Città delle Arti e della Scienza a Valencia.

Yonny Hernandez ed Eugene Laverty (che in Argentina ha chiuso quarto, portando al team il miglior risultato di sempre) competono nella categoria regina del Motomondiale in sella alla Desmosedici GP14.2, mentre in Moto3 l’attenzione è tutta per Francesco “Pecco” Bagnaia (due podi nelle prime quattro gare del 2016) e Jorge Martin, in sella alle Mahindra. L’impegno poi continua nel CEV Moto3 FIM Junior World Championship, con Aaron Polanco (alle terza stagione con MRW Aspar Team) e Albert Arenas, in squadra da quest’anno e che ha anche disputato una wild card iridata a Jerez.

Si passa poi al RFME CEV (Campionato Spagnolo di Velocità), in cui il team Aspar schiera ben tre piloti: Ivan Ortola corre nella categoria Challenge 80, Alvaro Diaz in PreMoto3 e Borja Sanchez in Moto3. Grazie poi all’unione con KSB Sport e la Liga Española de Motociclismo, la scuola Aspar KSB LEM permetterà a circa 90 ragazzi di essere seguiti fin dagli inizi della loro giovane carriera, mettendo le basi per diventare i piloti del futuro, puntando non solo sul lavoro di squadra ma anche sull’educazione, sul rispetto, sulla sana rivalità.

Aspar punta sui giovanissimi...
Aspar punta sui giovanissimi…

La presentazione di oggi ha segnato l’inizio di una nuova era per il Team Aspar, assieme a KSB e LEM“, ha dichiarato Jorge Martinez. “Si tratta di un progetto innovativo ed unico, con una squadra privata che si occupa anche di una scuola di piloti. Siamo il più grande team privato del mondo, l’unico modo per cominciare una carriera ad otto anni e arrivare in MotoGP con lo stesso team“. L’obiettivo è favorire la crescita di piloti non solo spagnoli, ma da ogni parte del mondo. “Sono davvero contento di presentare questa nuova era per il Team Aspar“, ha poi concluso Martinez.

La parola passa poi ai ragazzi impegnati in Moto3. “La stagione non è cominciata come avrei voluto“, ha dichiarato Jorge Martin, “ma stiamo migliorando la moto e siamo più veloci rispetto all’anno scorso, quindi mi aspetto di lottare con i primi. Terrò d’occhio anche la scuola quest’anno, è un progetto molto ambizioso. Sarà una strada lunga e difficile ma tutto può succedere quando ci si impegna, quindi spero diano sempre il cento per cento in pista“. “Quest’anno darò il massimo in ogni gara” ha poi dichiarato Bagnaia, a podio a Losail ed a Jerez, “Voglio essere sempre tra i primi, ma se non è possibile dobbiamo pensare a portare a casa punti“.

Scambio di moto tra Eugene Laverty e Francesco Bagnaia?
Scambio di moto tra Eugene Laverty e Francesco Bagnaia?

Come detto, in MotoGP sono Yonny Hernandez ed Eugene Laverty a competere con il team di Martinez. “Abbiamo cominciato bene“, ha dichiarato il colombiano, “ma dobbiamo migliorare per rimanere costantemente in top ten. Lotteremo per raggiungere quest’obiettivo e per dare un buon esempio ai ragazzi della scuola. Loro sono il futuro del motociclismo: consiglio solo di essere disciplinati, di pensare sempre positivo e di non smettere mai di lottare per il proprio sogno“. “Dopo Jerez sappiamo in che direzione lavorare“, ha poi aggiunto Laverty. “Abbiamo ottenuto un grande risultato in Argentina, ma è in Spagna che abbiamo visto il nostro vero potenziale. Da questo momento il mio obiettivo è continuare a lottare per finire come top rider indipendente“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy