Supersport 300 Brno, Gara: Dominio di Pratama

Supersport 300 Brno, Gara: Dominio di Pratama

A Brno Galang Hendra Pratama vince una gara fermata in anticipo per la caduta di Adrian Rusmiputro e Maximilian Kappler. 11° posto per la leader iridata Ana Carrasco.

di Alessandro Palma

Dopo due gare dominate da Ana Carrasco, a Brno è stato il turno di Galang Hendra Pratama. Il pilota indonesiano ha occupato la prima posizione dal primo al settimo dei 10 giri previsti, quando la gara è stata interrotta con bandiera rossa per la caduta di Maximilian Kappler e Ali Adrian Rusmiputro (quest’ultimo trasportato al centro medico). Pratama è così tornato a vincere dopo Jerez 2017 e a festeggiare con lui sul podio c’erano anche Walid Khan e Borja Sánchez, rispettivamente secondo e terzo.

DOMINIO DI GALANG… – Scattato dalla pole position dopo aver dominato prove libere e Superpole, inizialmente Pratama era rimasto intruppato nel gruppone, prima di liberarsi dei suoi avversari superando Scott Deroue e Ana Carrasco alla curva 3. Pratama ha poi allungato costantemente sui suoi inseguitori e al sesto giro, preso in considerazione per la classifica finale, il suo vantaggio su Walid Khan sfiorava i cinque secondi. Il pilota del team Yamaha BIBLION MotoXRacing ha così riportato alla vittoria la casa dei tre diapason dopo Jerez 2017, quando a vincere fu sempre lui (allora iscritto come wild card).

…MA CHE BATTAGLIA DIETRO! – Se Pratama è scappato via fin da subito, imponendo un ritmo impareggiabile fin dal primo giro, dietro di lui si è formato un grandissimo gruppo arrivato a comprendere anche diciassette (!) piloti, con anche María Herrera e Ana Carrasco a battagliare coi maschietti. Alla fine, dopo una serie interminabile di sorpassi, controsorpassi e staccate al limite, a spuntarla è stato l’olandese Walid Khan, al suo primo podio nel campionato. L’ex-Red Bull MotoGP Rookies Cup ha guidato il gruppo per buona parte della gara, venendo sporadicamente disturbato da piloti come le due ragazze e gli olandesi Glenn van Straalen, Scott Deroue e Koen Meuffels, oltre che da Borja Sánchez. Quest’ultimo è colui che ha completato il podio.

GLI ALTRI – Dietro a Sánchez, che sembra poter finire la stagione nonostante i problemi di budget, Koen Meuffels e Glenn van Straalen hanno ottenuto il quarto e quinto posto davanti a Nick Kalinin (al rientro dall’infortunio di Imola). Top 10 anche per Scott Deroue, Dani Valle, María Herrera e Luca Grünwald, mentre Ana Carrasco ha chiuso solo undicesima. Fuori dai punti gli italiani: 20° Filippo Rovelli, 21° Luca Bernardi, 22° Filippo Fuligni, 25° Paolo Grassia e 30° Nicola Settimo. Trentaduesima la wild card “rosa” Alexandra Pelikanova. Oltre a Kappler e Rusmiputro, si sono ritirati anche Tomas Alonso (problemi tecnici), Tom Edwards e Imanuel Putra Pratna (entrambi caduti).

Cattura

Photo Credit: Yamaha Racing

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy