Superbike Magny Cours Superpole Jonathan Rea il distruttore

Superbike Magny Cours Superpole Jonathan Rea il distruttore

Il Campione del Mondo firma un tempone sul bagnato, Kawasaki 60° centro in qualifica. Chaz Davies risorge, terzo, Davide Giugliano 13° ma non partirà

Commenta per primo!

Stavolta si è messo in testa di distruggere tutti anche in Superpole, non proprio la specialità della casa. Sul bagnato Jonathan Rea letteralmente vola e firma la settima pole in carriera, soddisfazione che gli mancava dalla Thailandia 2015, un anno e mezzo fa.

Tom Sykes, lo specialista, ci ha provato, mettendo anche la testa avanti a due minuti dalla fine. Sarebbe stato il 38° centro, ma Rea non glielo ha permesso. Il Cannibale è tornato dentro e con un giro fantastico si è mangiato il compagno di squadra, lasciato a 712 millesimi. Jonathan è un drago sul viscido, con una Kawasaki che sembra correre su un binario.

In casa Ducati risorge Chaz Davies, ottimo terzo: la prima fila è un’ottima rampa di lancio, specie se alle 13 gara 1 partisse con l’asciutto: le previsioni dicono che non tornerà a piovere, per cui bisognerà vedere se, in assenza di vento, l’asfalto riuscirà ad asciugarsi completamente. Con l’altra Panigale il dolorante Davide Giugliano ha mancato il passaggio in Superpole, fregato da Matthieu Lagrive sostituto last minute in Kawasaki-Pedercini e Nicky Hayden. Il 26enne ducatista è relegato in quinta fila. Subito dopo la Superpole Giugliano è stato dichiarato “unfit”, quindi non prenderà il via.

In seconda fila ci saranno Sylvain Guintoli, Leon Camier incappato in una rovinosa caduta alla curva uno e l’anfibio Michael van der Mark, che ha relegato in terza linea il compagno Nicky Hayden. Al fianco dell’americano c’è Lorenzo Savadori, poi Lagrive. In quarta fila Fores, Lowes e Torres.

Superbike Le libere 3

Superbike Le due sessioni del venerdi

Superbike L’ascesa MV Agusta

Superbike Le novità tecniche BMW Althea

Foto: Diego De Col

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy